Neonati: diventa definitivo il progetto 'Cittadini si nasce'

Tutte le pratiche si continueranno a fare in una sola operazione. Da gennaio 2020 sono già registrati 1.136 neonati

Registrare la nascita del figlio e nello stesso momento vedersi attribuire il codice fiscale e poter scegliere il pediatra: questo è possibile grazie al protocollo del Comune di Genova 'Cittadini si nasce', che, superata con buoni risultati la fase sperimentale, diventa una modalità strutturata che evita ai neo genitori di andare fisicamente da un ufficio all'altro. E in un futuro prossimo, grazie al lavoro di Anci Liguria, potrà essere esteso a tutta la Liguria.

Mercoledì 8 luglio nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi è stato firmato l'accordo, che rende definitivo il progetto interistituzionale 'Cittadini si nasce' (durerà tre anni e prevede il rinnovo automatico). La sigla di questo protocollo mette a sistema una modalità di registrazione dei nuovi nati che è stata molto apprezzata dai genitori: l’interconnessione tra le banche dati dei diversi Enti, l’utilizzo delle Pec per la trasmissione della documentazione, la ricezione della dichiarazione di nascita presso gli ospedali e la tempestiva registrazione all'Anagrafe comunale, l'assegnazione del codice fiscale e l’iscrizione del neonato al servizio sanitario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto è possibile, tramite gli operatori delle strutture ospedaliere, che hanno accesso all’anagrafe sanitaria regionale, la scelta del pediatra direttamente in ospedale. E i numeri ne raccontano il successo, con un trend in forte crescita: dalle 259 denunce di nascita effettuate direttamente in ospedale con questa procedura nella fase di partenza del progetto, tra aprile e dicembre del 2018, (di cui 149 al Policlinico San Martino, 57 all’Istituto Gaslini, 41 al Villa Scassi e 12 all’Evangelico) alle 1136 del primo semestre di quest’anno (354 al Policlinico San Martino, 460 all’Istituto Gaslini, 150 al Villa Scassi, 42 all’Evangelico e 130 al Galliera).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in Sopraelevata, choc per la morte di Ginevra: «Ciao angelo»

  • Meteo, preallerta per le prossime 48 ore

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Quattro detenuti a Italia's Got Talent, la Uil: «Spreco di soldi pubblici»

  • Il weekend a Genova e dintorni: Festa dello Sport, Fiera a Chiavari, Festa del Cane, ravioli e focaccette e tanto altro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento