menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Miniere di Gambatesa, la riapertura entro la fine dell'anno

Stando a quanto dichiarato dall'assessore regionale Rixi, il sito minerario potrebbe tornare accessibile e visitabile nel giro di pochi mesi, grazie anche ai lavori di messa in sicurezza

Potrebbe essere vicina la riapertura delle miniere di Gambatesa, il sito minerario di Ne, in val Graveglia, di proprietà del Parco dell’Aveto e chiuso da anni per ragioni di sicurezza: stando a quanto dichiarato dall’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Edoardo Rixi, i tunnel potrebbero tornare nuovamente accessibili e visitabili entro la fine dell’anno, in tempo per rendere conto dei 600mila euro di finanziamenti europei che la Regione, attraverso il Por, ha destinato ai lavori di messa in sicurezza già effettuati.

In totale l’investimento è stato di 650mila euro, 50mila dei quali stanziati nell’assestamento di bilancio e destinati al Parco dell’Aveto: «Grazie ai fondi investiti, il sito potrà finalmente essere riaperto ai visitatori, esprimendo le enormi potenzialità dal punto di vista turistico e di volano economico per l’intera vallata», ha fatto sapere Rixi.

«Prima della chiusura, sancita dalla precedente giunta, la miniera registrava flussi di visitatori secondi solo a quelli dell’Acquario di Genova. Ciò indica che il sito, adeguatamente valorizzato, potrà costituire un’attrattiva turistica per tutta la zona e quindi per l’entroterra chiavarese, che stiamo sostenendo anche con misure di supporto alle imprese di qualità. Infatti, nella Val Fontanabuona, la lavorazione dell’ardesia rientra tra quelle di qualità del marchio ‘Artigiani In Liguria’ per cui di recente abbiamo aperto un bando da 1,2 milioni di euro per il credito agevolato con possibilità di finanziamento a fondo perduto fino a 10 mila euro per le aziende». 

La palla adesso passa nelle mani del Parco dell’Aveto, che nei mesi scorsi ha lavorato con tecnici e ingegneri per testare la sicurezza delle gallerie: «Auspichiamo che il Parcosi attivi per la riapertura in tempi brevi, in modo da consentire al pubblico di visitare la miniera e nel contempo scongiurare il rischio di perdere i finanziamenti europei, che andranno rendicontati entro marzo 2017».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento