'Ndrangheta a Lavagna, la Regione si costituisce parte civile nel processo

La costituzione scatta obbligatoriamente dopo la modifica alla legge regionale voluta dalla giunta Toti

La Regione Liguria si è costituita parte civile nel processo sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel Comune di Lavagna, che vede imputate 22 persone.

Si tratta di un atto dovuto conseguente a una modifica della legge regionale (promossa dalla giunta Toti), che ora prevede l’obbligo, per la Regione, di costituirsi parte civile nei processi per associazione mafiosa. 

Il caso di Lavagna era deflagrato nel giugno del 2016, quando le indagini della Squadra Mobile di Genova e del Servizio Centrale Operativo, coordinata dal pm Alberto Lari (ora “promosso” al Tribunale di Imperia), avevano portato all’arresto di alcuni membri delle famiglie Rodà e Nucera, del sindaco di Lavagna, Giuseppe Sanguineti, e dell’ex parlamentare (a sua volta ex sindaco della cittadina del Tigullio) Gabriella Mondello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l’accusa formulata dalla Procura, Mondello avrebbe procurato a Sanguineti l’appoggio per l’elezione a sindaco attraverso i presunti boss di Lavagna, promettendo in cambio favori nella gestione dei rifiuti e degli ombrelloni sul lungomare. Lo scorso luglio era stata emessa la prima sentenza, con Antonio Rodà condannato con il rito abbreviato a 14 anni e 8 mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento