'Ndrangheta a Genova, imputati tutti assolti anche in appello

A quasi 4 anni dal verdetto in primo grado, i giudici hanno confermato l'assoluzione per mancanza di prove dei 10 che secondo i Ros sarebbero i boss mafiosi liguri

Si è concluso con un verdetto di assoluzione per tutti e 10 gli imputati il processo “Maglio 3” sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta a Genova.

Questa mattina i giudici della corte d’Appello hanno confermato la sentenza emessa in primo grado nel 2012, non accogliendo la tesi dei pm Alberto Lari e Vincenzo Scolastico, che avevano chiesto dai 6 ai 12 anni di reclusione per le 10 persone che i carabinieri del Ros avevano identificato come i boss della ‘ndrangheta ligure.

Secondo i giudici non ci sarebbero prove a sufficienza per l’incrimazione, e così per gli imputati, tutti tra i 39 e i 79 anni d’età, sono cadute le accuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento