menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Buttafuori aggredito con un machete, questore chiude il locale

Porta chiusa per 15 in un locale di mura delle Grazie per decisione del questore dopo che un addetto alla sicurezza è stato ferito con un machete fuori dal locale

Il questore di Genova ha adottato il provvedimento di chiusura, ai sensi dall'articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, del Neo 262 in mura delle Grazie. All'origine del provvedimento di temporanea sospensione dell'attività la violenta lite scoppiata lo scorso 6 maggio all'esterno del locale e degenerata in una vera e propria rissa tra gli avventori di origini senegalese e gambiana.

Un addetto alla sicurezza, invano, aveva tentato di riportare la calma, venendo poi colpito con un machete a un braccio. Accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Galliera, l'uomo, non autorizzato ai sensi di legge a fare servizio di sicurezza, è stato poi giudicato guaribile in 30 giorni per ferita lacero contusa al gomito destro. Una pattuglia dell'Arma dei carabinieri, intervenuta sul posto, aveva trovato sul luogo della rissa una fodera contenente il machete.

Il circolo era già stato teatro di un analogo episodio nel mese di marzo 2017 quando si erano affrontati per rissa alcuni giovani avventori genovesi. I successivi controlli finalizzati al monitoraggio del locale avevano evidenziato la presenza di giovani già ubriachi a cui il gestore continuava a somministrare alcolici. La situazione di degrado era stata inoltre segnalata dai residenti, preoccupati della frequentazione da parte di soggetti ubriachi e violenti, non rispettosi del riposo delle persone.

Il decreto, valido per 15 giorni, è stato notificato nella giornata odierna al titolare, un genovese di 44 anni, dai Carabinieri della Stazione di Carignano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento