menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raffica di multe nella notte, Tursi si difende: «Ragioni di sicurezza»

L'assessore Fiorini in consiglio Comunale spiega l'incremento delle sanzioni per divieto di sosta in ore notturne: «Questioni di vivibilità, al Porto Antico si parcheggia con due euro»

Polemica ieri in consiglio Comunale per il segnalato incremento delle multe per divieto di sosta nelle ore serali in zone che in passato sembravano “tollerate” dalla Municipale: ad affrontare la questione è stato il vicepresidente del consiglio (nonché candidato per Fratelli d’Italia alle Comunali 2017) Stefano Balleari, in un’interrogazione congiunta con Lilli Lauro.

«Da fine ottobre sono state comminate tra le 300 e le 400 multe per divieto di sosta nelle ore notturne, un comportamento da sempre tollerato e ora sanzionato senza preavviso - ha tuonato Balleari in Sala Rossa - si tratta di esigenza di legalità o necessità di far cassa? Il sindacato di polizia è contrario a questo tipo di azioni, ed emerge disaccordo sul tema tra l’assessore Dagnino, impegnata a cercare convenzioni con parcheggi privati, e l’assessore Fiorini».

A replicare è stata proprio l’assessore alla Legalità, Elena Fiorini, che dopo avere assicurato di essere «in pieno accordo» con la collega Dagnino, ha spiegato che «si tratta di controlli ai fini della sicurezza e della vivibilità. Al Porto antico e in corso Italia c’è la possibilità di posteggiare per tutta la notte per soli 2 euro. In una serie di vie del centro si sono create situazioni in cui la circolazione, anche dei mezzi d’emergenza, è stata impossibile o pericolosa. Ciò ha reso necessari gli interventi». 

Il riferimento è in particolare a vie del centro come via Fieschi, dove le auto di notte spesso occupano quasi un’intera corsia intralciando il passaggio degli autobus, e via XII Ottobre, dove è stato segnalato un episodio che ha visto un’ambulanza impossibilitata a passare a causa della presenza di scooter parcheggiati selvaggiamente: «Questi comportamenti illeciti vanno scoraggiati», ha concluso Fiorini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento