menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

È morto Andrea Camilleri, scrittore siciliano con Genova nel cuore

Nato a Porto Empedocle, Camilleri amava la sua terra d'origine, la Sicilia. Ma - forse non tutti lo sanno - c'era anche un'altra città di mare nel suo cuore: Genova

Si è spento oggi, il 17 luglio 2019, lo scrittore Andrea Camilleri, famoso per essere il "papà" del commissario Montalbano, ma anche per essere sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante. Camilleri era stato ricoverato circa un mese fa in gravi condizioni all'ospedale Santo Spirito di Roma.

Nato a Porto Empedocle nel 1925, Camilleri amava la sua terra d'origine, la Sicilia, e si capiva chiaramente leggendo i suoi libri scritti in un particolare linguaggio commisto di italiano e siciliano. Ma - forse non tutti lo sanno - c'era anche un'altra città di mare nel suo cuore: Genova.

Un vero e proprio colpo di fulmine che scattò nel 1950: allora lo scrittore, che era venuto nella Superba per ritirare un premio di poesia, se ne innamorò profondamente.

Nel 2015, il sindaco di allora Marco Doria aveva consegnato allo scrittore l'onorificenza del Grifo del Comune «a riconoscimento di un grande scrittore italiano e del profondo sentimento personale e letterario che lo lega alla città di Genova attraverso l’attività televisiva e teatrale, l’amicizia con Lele Luzzati e Gina Lagorio, fino alle narrazioni in cui il Commissario Montalbano, protagonista dei suoi più celebri romanzi, incrocia la sua esistenza privata con il borgo di Boccadasse eletto a “luogo del cuore” anche per i lettori di tutto il mondo dei libri di Andrea Camilleri». Camilleri - che aveva mandato la figlia Andreina a ritirare l'onorificenza - aveva risposto così: «Sono veramente, sinceramente dispiaciuto di non poter essere oggi con tutti voi, non poter passeggiare per la vostra splendida città che è diventata nella mia memoria, un luogo dell'anima. Ho infatti impressa l'immagine labirintica e al contempo generosa, solare e aperta di Genova e dei genovesi tutti e l'odore del porto che mi fa tanto odore di casa».

Infatti - è cosa nota per chi ha letto i libri o guardato i film di Montalbano alla tv - la "storica" fidanzata del commissario abita a Genova, precisamente a Boccadasse, uno dei luoghi del cuore dello scrittore che ha voluto così omaggiarlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento