menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addio ad Andrea, il giovane di Sant'Olcese che sognava un camper

Il 12enne di Sant'Olcese che dall'età di 4 anni lottava contro un brutto male purtroppo non ce l'ha fatta: la storia del suo appello lanciato sul web per coronare il sogno di avere un camper per viaggiare insieme alla propria famiglia aveva scatenato una vera e propra gara di solidarietà

La storia di Andrea e del suo sogno di avere un camper per poter viaggiare insieme alla propria famiglia aveva scatenato una vera e propra gara di solidarietà nei mesi scorsi dopo un appello lanciato sul web. Il 12enne di Sant'Olcese che, dall'età di 4 anni, lottava per quello che lui aveva deciso di chiamare un "amico indesiderato" in al cervello purtroppo non ce l'ha fatta ed è scomparso nelle ultime ore. Nella sua breve vita aveva dovuto affrontare undici interventi di neurochirurgia.

Il gruppo consiliare "Centrosinistra per Sant'Olcese" ha dato la notizia attraverso il proprio canale "Sant'Olcese informa" scrivendo: «Ci ha lasciato il piccolo grande Andrea, il ragazzo santolcesino di 12 anni, che aveva emozionato tutti con la sua storia e scatenato una bellissima gara di solidarietà a Sant’Olcese e non solo. Il consiglio comunale e tutta la comunità santolcesina si stringono attorno alla famiglia in questo momento di dolore».

Attraverso la raccolta fondi lanciata online erano stati raccolti oltre 11mila euro per cercare di regalare un sorriso al piccolo Andrea. Anche la redazione di Genova Today si unisce al cordoglio per la sua scomparsa, una notizia che ha colpito nel profondo tutti coloro che, da vicino o da lontano, avevano "conosciuto" la storia leggendo la lettera scritta da Andrea, che riproponiamo. 

"Mi chiamo Andrea e ho 12 anni.Sono il secondo di 5 figli quindi siamo una famiglia bella numerosa. Amo la mia famiglia ma la  mia vita pero' non è quella di un ragazzino della mia età. Da quando ho 4 anni convivo un un "amico indesiderato" in testa che mi ha portato ad affrontare 11 interventi di neurochirurgia. Questo ha portato diverse problematiche al mio fisico. Purtroppo inoltre un paio di anni fa ho perso la vista e circa 6 mesi fa sempre dopo un'intervento chirurgico la mia parte sinistra si muove molto di meno. Ho difficolta a camminare a lungo perché mi stanco molto facilmente e ho bisogno spesso di coricarmi. Come famiglia abbiamo dovuto ripensare a come affrontare la quotidianità fatta di sfide ma anche di leggerezza, ed è per questo vorremmo chiedervi un contributo, visto il costo elevato, ad avverare il mio desiderio...quello di avere  un camper. Questo ci permetterebbe di girare ovunque ma avendo una casa mobile sempre a disposizione in caso di necessità. La vita mi ha tolto tanto ma voglio cercare di viverla appieno insieme ai miei fratelli e ai miei genitori cercando di assaporare quanto piu' normalità mi sia concessa. sono grato per tutto l'aiuto che ricevo e per la generosità delle persone". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento