rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca

Morta per droga a 16 anni, confermata in Cassazione la condanna per il fidanzato

I giudici hanno rigettato il ricorso presentato dagli avvocati di Sergio Bernardin, che la sera del 29 luglio 2017 era in compagnia di Adele De Vincenzi quando ha assunto metanfetamina e si è sentita male

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dagli avvocati di Sergio Bernardin, 23enne di Uscio accusato di spaccio e morte come conseguenza di altro reato per la morte di Adele De Vincenzi, studentessa 16enne di Chiavari e sua fidanzata.

Il giovane, che all’epoca dei fatti aveva 21 anni, era stato condannato in Appello a 4 anni e 6 mesi di reclusione, e i suoi avvocati avevano presentato ricorso chiedendo l’assoluzione. Il procuratore generale e l’avvocato delle parti civili, invece, avevano chiesto la conferma della pena. 

Con il rigetto del ricorso in Cassazione, la pena per Bernardin - processato con rito ordinario - è stata quindi confermata. Nell’inchiesta sulla morte di Adele era finito anche l’amico di Bernardin e Adele, il 21enne Gabriele Rigotti, che aveva però optato per il rito abbreviato.

In primo grado Rigotti era stato assolto dall’accusa di spaccio e morte in conseguenza di altro reato, la stessa mossa a Bernardin: per l’accusa, entrambi i ragazzi erano da ritenere responsabili della morte di Adele, che la sera del 29 luglio 2017, dopo avere assunto una dosa di mdma comprata in Valle Scrivia e consumata nell’appartamento genovese di Rigotti, era collassata mentre camminava in via San Vincenzo con il fidanzato, Rigotti e la sua fidanzata ed era stata portata d’urgenza al Galliera. In ospedale il suo cuore aveva cessato di battere, stroncato dalla dose fatale.

Per l’accusa, come detto, entrambi i ragazzi, maggiorenni, erano responsabili della morte della 16enne per avere acquistato la droga e averla consumata con lei. Nel caso di Rigotti, in primo grado il gup aveva ritenuto che non vi fosse però reato di spaccio, e dunque era decaduta anche l’accusa di morte in conseguenza dello spaccio, anche se la procura aveva portato avanti un'accusa di omissione di soccorso. Alla base il fatto che a chiamare i soccorsi, in quella sera di luglio, era stato un netturbino che aveva notato la scena, e non i ragazzi.

Nel caso di Rigotti la Corte di Appello aveva riformato la sentenza di assoluzione e lo aveva condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di omicidio colposo e detenzione di sostanza stupefacente. Per Bernardin, in appello la pena era stata riconteggiata da 5 anni a 4 anni e 6 mesi di reclusione, pena confermata anche dalla Cassazione, che ha invece assolto Rigotti dall’accusa di omicidio, condannandolo solo per detenzione di sostanza stupefacente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morta per droga a 16 anni, confermata in Cassazione la condanna per il fidanzato

GenovaToday è in caricamento