Cantiere Morandi, Aspi presenta piano di smaltimento detriti

Il Pd chiede delucidazioni sulle modalità di eliminazione delle macerie, in parte dissequestrate: «Si stima che ne verranno prodotte circa 120 tonnellate»

La giunta regionale organizzerà un’apposita commissione consiliare a fine giugno per discutere del piano di smaltimento dei detriti prodotti dal cantiere per la demolizione e la ricostruzione del ponte Morandi. Nel frattempo, il sindaco-commissario Marco Bucci e il commissario per l’emergenza, il governatore Giovanni Toti, vigileranno affinché il piano presentato da Autostrade per l’Italia lo scorso 30 maggio venga rispettato.

La conferma è arrivata dall’assessore regionale alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone, che nel corso dell’ultimo consiglio regionale ha risposto a un’interrogazione del consigliere del Pd Giovanni Lunardon relativa ai detriti prodotti dalla demolizione di quanto resta del ponte e delle case di via Porro, tutti stoccati in un’apposita area vicino al Polcevera, in zona Bolzaneto: «La quantità potrebbe superare le 120 tonnellate», ha sottolineato Lunardon.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I rifiuti che derivano dalla demolizione del ponte Morandi e degli edifici di via Porro sono di competenza del commissario straordinario alla ricostruzione, cioè il sindaco di Genova - ha replicato Giampedrone - Nell’ambito del parere rilasciato dalla Regione, ai fini  del parere della Commissione tecnica di Verifica dell’impatto ambientale del ministero dell’Ambiente, è stato chiesto alla struttura commissariale per la ricostruzione di fornire maggiore dettaglio sulla gestione dei materiali di risulta e sui relativi siti di smaltimento, al momento indicati solo in via assolutamente preliminare con l’elenco degli impianti di recupero e delle discariche di rifiuti inerti da aggiornare in base a verifiche sull’effettiva accoglibilità dei materiali»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento