Morandi, relazione del Mit: «Interventi strutturali insufficienti davanti ai segnali di degrado»

Il documento è stato redatto da un gruppo di giuristi. Il crollo di ponte Morandi risulta «il tratto finale di una sequenza casuale, da tempo in corso, che il concessionario non è stato in grado di arrestare o deviare pur essendo a ciò tenuto»

Sul sito del ministero dei Trasporti è stato pubblicato l'integrale del parere sulla procedura di caducazione della concessione di Aspi, procedura avviata in seguito al crollo di ponte Morandi. La relazione è stata redatta dal gruppo di lavoro di giuristi istituito con il decreto ministeriale 119 del 29 marzo 2019.

Il documento, composto da 62 pagine e consultabile qui, si divide in dodici parti: si comincia con il ripercorrere le varie fasi del procedimento avviato in seguito al crollo del viadotto Polcevera; quindi vengono ricapitolate le tappe che hanno portato all'attuale rapporto concessorio con Aspi; il terzo punto è dedicato agli obblighi del concessionario in forza della Convenzione unica e delle altre norme rilevanti; il quarto al crollo e alle misure conseguenti.

Si passa quindi alle note di contestazione del Mit e alle controdeduzioni di Aspi; poi si parla dell'obbligo di custodia e di restituzione, della violazione degli obblighi di manutenzione, della gravità dell'inadempimento e relative implicazioni. Il nono punto è dedicato alla nullità dell'articolo 9-bis della Convenzione unica, il decimo alla possibilità di risolvere unilateralmente la Convenzione unica e alla competenza ad adottare e ad approvare l'atto di risoluzione. Infine analisi dei rischi di contenzioso e delle ricadute operative della risoluzione e le conclusioni.

I temi sono diversi, ma forse quello che tocca più da vicino i genovesi è l'analisi delle possibili cause del crollo. Nella relazione si legge che il cedimento del viadotto è «il tratto finale di una sequenza casuale, da tempo in corso, che il concessionario non è stato in grado di arrestare o deviare pur essendo a ciò tenuto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il documento elenca una lunga serie di allarmi e segnali di degradazione dell'opera «senza che facesse riscontro l'intensificarsi della spesa per interventi strutturali che anzi dal 2005 ad oggi è stata pari a soli 440mila euro». Infine la relazione definisce «estremamente improbabile» l'ipotesi, prospettata da Aspi, che l'ultima causa del crollo sia da rinvenire nella perdita di un carico pesante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento