Esplosione Morandi, possibile evacuazione per 4mila persone

La Protezione Civile comunale sta lavorando a un piano per gestire le persone che verranno fatte allontanare dalle case per l'intera durata delle operazioni

Potrebbe essere 4mila i residenti della Valpolcevera che verranno fatti allontanare dalle loro abitazioni il giorno dell’esplosione delle pile 10 e 11 del troncone est del ponte Morandi. La valutazione arriva all’indomani dalla riunione - l’ennesima - in prefettura della commissione esplosivi, cui i demolitori hanno presentato nuova documentazione legata all’utilizzo degli esplosivi.

Lunedì mattina nell’ex cava dei Camaldoli verranno organizzati nuovi test finalizzati a valutare la dispersione delle polveri e in generale l’impatto dell’utilizzo delle microcariche. Nel frattempo, gli uffici della Protezione Civile comunale, coordinati dal consigliere delegato Antonino Sergio Gambino, stanno predisponendo il piano di evacuazione sulla base delle indicazioni del sindaco-commissario Marco Bucci: molto probabile che la zona che verrà evacuata abbia un raggio più grande di 250 metri per tranquillizzare al massimo i residenti, confermata la durata minima delle operazioni, dalle 7 del mattino alle 21 di sera.

Demolizione Morandi, nuovi test nell'ex cava dei Camaldoli | Video

«Stiamo pensando a varie sistemazioni con point di ritrovo per chi non vorrà allontanarsi dalla città - ha confermato Gambino - una al centro civico Buranello, l’altra a Certosa». Il piano prevede una serie di attività per i bambini e per gli anziani, oltre che incontri informativi per gli adulti, e sistemazioni in albergo con pasti caldi per garantire una sistemazione per la giornata a tutti coloro che ne avranno la necessità. 

A oggi, la data indicata dal sindaco Bucci per l’esplosione è lunedì 24 giugno, ma le tempistiche potrebbero allungarsi. La commissione esplosivi ha chiesto ulteriori integrazioni della documentazione, che verrà passata al vaglio mercoledì durante una nuova riunione: non è escluso che la data dell’esplosione slitti di una settimana, arrivando a fine giugno. I residenti della Valpolcevera, intanto, aspettano la conferma della data dell'assemblea pubblica che sempre Bucci ha convocato tra il 17 e il 18 giugno per discutere nel dettaglio il progetto di demolizione ed evacuazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Boato nella notte, paura a Campomorone

Torna su
GenovaToday è in caricamento