Demolizione Morandi, Bucci: «Prossima settimana decisione definitiva sull'esplosivo»

Il progetto dovrebbe essere consegnato tra oggi e domani. Restano confermati i rientri nelle case sfollate per domenica e lunedì, presto dovrebbe venire abolita anche la zona rossa

Ultimi rientri nelle case sfollate tra sabato e domenica, eliminazione della zona rossa e decisione sulle modalità di demolizione delle pila 10 e 11 entro la fine della prossima settimana: questo il cronoprogramma del sindaco commissario Marco Bucci per quanto riguarda alcuni tra i passaggi fondamentali nella zona e nel cantiere del ponte Morandi.

Bucci, che in mattinata ha partecipato alla presentazione del nuovo spazio Mog, lo spazio enogastronomico ricavato al piano rialzato del Mercato Orientale, ha ammesso che «non ho ancora visto il progetto (per la demolizione delle pile 10 e 11, ndr), deve arrivare tra oggi e domani. La settimana prossima la passeremo tra controlli e check, e penso arriveremo alla decisione definitiva. Questo è il mio programma». 

La decisione definitiva riguarda, ovviamente, l’utilizzo o meno dell’esplosivo per demolire le pile 10 e 11, inizialmente dato per certo: l’ati dei demolitori si è vista costretta a mettere a punto un piano alternativo dopo il ritrovamento di tracce di amianto naturale in quanto resta del viadotto, e a oggi non è ancora chiaro se alla fine le pile del lato est verranno smontate meccanicamente (come alla fine deciso per quelle del lato ovest) o se la struttura commissariale ha intenzione di procedere ugualmente con le microcariche potenziando le procedure di sicurezza per la tutela di lavoratori e residenti e prevedendo addirittura l’evacuazione di una zona del raggio di circa 250 metri quadri sino a quando le polveri prodotte dall’esplosione non saranno disperse.

La risposta arriverà, stando a quanto dichiarato da Bucci, entro la fine della prossima settimana. Nel frattempo sul troncone est, su cui sono state installate le torri d’acciaio per la messa in sicurezza, si procede con le prove di carico finalizzate a capire quanto la struttura possa reggere, anche in ragione del sopralluogo che i periti del tribunale dovranno effettuare alla luce del secondo incidente probatorio

Sfollati, ultimi rientri tra domenica e lunedì

Il ritorno degli ormai ex residenti di via Porro nelle case sfollate, invece, resta confermato per domenica 5 e lunedì 6 maggio, con una seconda tornata per la domenica e il lunedì successivi. Stando a quanto trapelato, chi ha fatto richiesta di un quarto e ultimo accesso potrà rientrare nelle case per portare via oggetti e ricordi, o semplicemente per dire addio alla propria abitazione.

Le modalità cui si è arrivati, dopo un braccio di ferro durato diversi giorni, è di sei persone per ogni ingresso, che durerà cinque ore. La zona rossa, attualmente ancora in vigore, potrebbe quindi venire rimossa del tutto: «Dopo gli ultimi test, che verranno fatti a metà della prossima settimana, arriveremo all'abolizione completa», ha concluso Bucci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Boato nella notte, paura a Campomorone

Torna su
GenovaToday è in caricamento