Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Rave party sul Monte Moro: la polizia multa gli organizzatori e sequestra le apparecchiature

Sanzionati due giovani genovesi di 23 e 24 anni, centinaia i partecipanti nella notte tra 14 e 15 agosto

Due genovesi di 23 e 24 anni sono stati sanzionati dalla Polizia per aver organizzato spettacoli pubblici senza licenza, sequestrata l'attrezzatura professionale utilizzata per l'evento.

Nella mattinata di domenica 15 agosto 2021 alcune volanti sono intervenute presso i “fortini” del Monte Moro, dove era stato segnalato un rave party con alcune centinaia di partecipanti giunti dal territorio nazionale e internazionale.

Mentre gli agenti percorrevano la strada per raggiungere il luogo interessato hanno incontrato numerose persone che a bordo dei loro mezzi di trasporto stavano defluendo della festa, ormai terminata. Tra queste i due giovani organizzatori, infatti sulle loro auto sono state rinvenute e sequestrate amministrativamente le apparecchiature utilizzate per l’ evento: casse amplificate, una consolle professionale da Dj , un impianto luci con treppiedi, cavi e un gruppo elettrogeno. Giunti nel piazzale dove termina la strada carrabile, gli agenti sono riusciti a identificare oltre 40 partecipanti, alcuni dei quali in evidente stato di alterazione alcolica.

Sul posto è stato richiesto l’intervento della Polizia Locale per procedere agli accertamenti etilometrici sui conducenti dei vari veicoli fermati. Un 23enne è stato denunciato, con contestuale ritiro della patente, per guida in stato di ebbrezza. Lungo la strada, all’interno di un cantiere aperto, i poliziotti hanno notato che tre veicoli industriali avevano i vetri infranti e recavano segni di vandalismo, danneggiamenti avvenuti durante la notte come riferito da alcuni testimoni, molto probabilmente ad opera di alcuni partecipanti al rave. Intervenuta anche la scientifica per i rilievi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rave party sul Monte Moro: la polizia multa gli organizzatori e sequestra le apparecchiature

GenovaToday è in caricamento