menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Monopattini elettrici, allo studio servizi di noleggio in città

A fine gennaio una commissione consiliare studierà la realizzazione di un servizio di noleggio dei monopattini elettrici, ora equiparati alle biciclette

I dettagli per l'attuazione verranno definiti nell'ambito di una commissione consiliare specifica, ma intanto oggi il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità la mozione presentata dal Gruppo consiliare del Partito Democratico affinché l'amministrazione valuti le modalità di istituzione di servizi di sharing per l'utilizzo del monopattino elettrico.

Il tema è di particolare attualità dopo che il Governo ha approvato un emendamento che equipara il monopattino elettrico alla bicicletta.

Nel documento approvato oggi in Sala Rossa sono indicati una serie di interventi che potrebbero essere messi in atto: monopattini con stalli dedicati, definizione della possibilità di circolare ovunque con i limiti di velocità previsti per legge, spinta ai gestori per predisporre eventi di comunicazione e formazione sul codice della strada, previsione di una quota a bici o monopattino per pagare l'utilizzo del suolo pubblico e la gestione ed il controllo da parte del Comune.

«Siamo molto soddisfatti di questo risultato - commentano i consiglieri comunali del Pd -. Ringraziamo l'assessore Campora che, nonostante la posizione contraria della maggioranza di centrodestra incapace di cogliere questa occasione, ha sostenuto la nostra mozione, condividendo la necessità di un percorso di sostegno alla mobilità sostenibile e alternativa necessario anche per la nostra città. Ci auguriamo quindi che a breve, seguendo anche l'esempio di realtà vicine come quelle di Milano e Torino, anche a Genova il servizio di sharing del monopattino elettrico diventi realtà, naturalmente nel rispetto della normativa nazionale in materia».

«Nella costruzione di un sistema sostenibile basato su servizi innovativi a vantaggio dei cittadini, dei lavoratori e dei turisti vanno fatte scelte coraggiose in una città che, dopo il crollo del Ponte Morandi, ha visto semplicemente crescere e favorire il trasporto privato – conclude il Gruppo consiliare del Pd - con un incremento notevole dell’inquinamento proprio in quelle aree oggi più colpite dalla tragedia del Ponte».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento