menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia a Riva Trigoso, sub muore durante un'immersione

Il corpo dell'uomo è stato trovato incastrato negli scogli sottostanti le gallerie che collegano Moneglia e Riva Trigoso. Da chiarire le cause esatte del decesso

Tragedia nel pomeriggio di mercoledì 6 giugno nelle acque di Moneglia, dove un sub ha perso la vita durante un’immersione in apnea.

Ancora non sono chiare le circostanze del decesso. L’uomo, un 62enne originario di Crevalcore, in provincia di Bologna, è stato trovato ormai privo di vita incastrato a due metri di profondità tra gli scogli sottostanti le gallerie che uniscono Riva Trigoso a Moneglia, all'altezza della baia di Vallegrande.

A dare l'allarme è stato il compagno di immersione dell'uomo, che agli uomini della Capitaneria di Porto di Santa Margherita, intervenuti sia via mare sia via terra, ha raccontato che il 62enne si era immerso con lui intorno alle 9 di mattina per pescare.

Riva Trigoso, sub muore durante battuta di pesca in apnea | Video

Presenti anche i carabinieri di Sestri Levante in supporto, e personale medico inviato dal 118 di Lavagna, cui è stato affidato il compito di dichiarare il decesso. Il recupero del corpo, lungo e complesso a causa della posizione del corpo, intorno alle 19 era ancora in corso, ed è stato necessario chiedere l'intervento del nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco.

Da chiarire, adesso, se l’uomo sia morto, forse per un malore, in un altro punto e poi sia stato trascinato dalla corrente sugli scogli, o se sia rimasto incastrato nel punto in cui è stato ritrovato. Una volta recuperata, la salma verrà trasportata a Sestri Levante per gli accertamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento