Molassana, una mozione per rimuovere la rotonda "dei tonni suicidi"

Alcuni consiglieri municipali del Movimento 5 Stelle puntano il dito contro l'opera, inaugurata nel 2016, chiedendo la messa in sicurezza

La rotatoria dei “tonni suicidi” di Molassana nuovamente al centro dell’attenzione, questa volta per la richiesta, da parte di alcuni consiglieri del Municipio Media Valbisagno, di rimuovere le sculture e sostituirle con qualcosa di più sicuro e più adatto esteticamente al contesto in cui sorge.

La proposta arriva dai consigliere del Movimento 5 Stelle in Municipio, in particolare da Lara Delpino, che ha annunciato l’intenzione di portare in consiglio municipale una mozione finalizzata a chiedere la riqualificazione della rotatoria e la sostituzione degli elementi all’interno dell’isola «con elementi più idonei e sicuri».

«Una rotatoria come tante, senza arredi di questo genere, sostituire questi tonni con altro di meno pericoloso all’impatto, magari che rispecchi anche di più il nostro territorio, la nostra valle - ha detto Delpino - Un motociclista che ci finisce in mezzo non può trovarne scampo! E pensare che è pure costata 9 mila euro».

La mozione verrà discussa lunedì 17 giugno alle 16 durante il consiglio: la rotatoria era stata "svelata" nel 2016 e aveva da subito suscitato accese polemiche, un po' per l'estetica un po' per la foggia dei pesci, considerata da molti troppo pericolosa soprattutto in caso di incidente.

Potrebbe interessarti

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Resta bloccata in un parcheggio e sfonda il cancello con l'auto

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

Torna su
GenovaToday è in caricamento