Si fingeva 15enne e adescava ragazzine via chat: arrestato 46enne

La prima a sporgere denuncia è stata una 13enne di Sestri Ponente, che si è rivolta ai genitori dopo che l'uomo l'ha minacciata di rendere pubbliche le sue foto

Aveva adescato una 13enne con decine di messaggi su WhatsApp, fingendo di avere 15 anni e allacciando con lei una relazione virtuale andata avanti per mesi, durante la quale l’aveva convinta a mandargli scatti audaci e minacciando poi di renderli pubblici quando la ragazzina, spaventata, aveva deciso di troncare i contatti. Ma gli agenti del commissariato di Sestri Ponente, dopo mesi di indagini, sono riusciti a risalire alla sua vera identità scoprendo che il sedicente quindicenne era in realtà un uomo di 46 anni residente a Piombino, in Toscana, che nel computer e nello smartphone aveva decine di foto e messaggi inviati da altre minorenni.

I fatti risalgono all’agosto del 2014, quando i genitori della ragazzina hanno deciso di sporgere denuncia rivelando la situazione di angoscia e pericolo in cui la figlia si era trovata dopo avere incautamente allacciato rapporti con il finto 15enne, che tra le decine di messaggi e foto aveva inviato anche uno scatto delle sue parti intime. Proprio quest’ultimo episodio aveva convinto la 13enne a troncare la relazione, scatenando la reazione dell’uomo che prima aveva diffuso per ripicca le foto sulla chat creata con un gruppo di amici, insultandola e promettendo di vendicarsi, e arrivando addirittura a farla chiamare da una donna che, fingendosi una poliziotta, l’aveva minacciata di far sapere ai genitori dell’esistenza delle foto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le minacce sono diventate ancora più pesanti quando al ragazzina si è rifiutata di incontrare il “fidanzatino”, tanto da spingerla a rivolgersi terrorizzata ai genitori per raccontare tutto. Le indagini sono partite subito, e hanno consentito agli agenti di individuare nel 46enne toscano l’autore dei messaggi. Durante la perquisizione nella sua abitazione, le forze dell’ordine hanno anche trovato foto e messaggi di almeno altre tre minorenni residenti nel centro Italia, che sono state poi rintracciate e hanno raccontato il loro incubo. L’uomo è stato quindi arrestato e dovrà rispondere delle accuse di atti sessuali, detenzione di materiale pedopornografico, corruzione di minorenne, pornografia minorile e tentata violenza privata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento