rotate-mobile
Cronaca Carignano / Via Fieschi

Rischia di morire soffocata dal suo vomito, minorenne ubriaca salvata 'in extremis'

La minore, trasportata all'ospedale Galliera in codice giallo per le cure del caso, è stata sottoposta a test e nel suo sangue è stata trovata una concentrazione di alcol pari a 2,7 grammi per litro

Poco prima delle 18.30 di mercoledì 23 dicembre 2020 gli agenti di una pattuglia del primo distretto di polizia locale sono stati avvertiti da un passante che poco distante, in uno dei porticati del Centro dei Liguri dove ha sede anche il Consiglio regionale della Liguria, una ragazza molto giovane pareva essere in stato confusionale.

Il personale è corso a soccorrerla e l'ha trovata stesa su un muretto, priva di sensi, con gli abiti e i capelli coperti di saliva e di vomito. Vomito è stato trovato anche per terra, tutto attorno a lei. Dopo aver chiamato il 118 perché inviasse i soccorsi, gli agenti hanno cercato di far riprendere coscienza alla minore, di soli 15 anni, sorreggendola per fare in modo che il vomito non la soffocasse perché continuava ad avere rigurgiti.

All'arrivo dei militi della Croce Bianca Genovese, la ragazzina, pur essendo ancora molto debole, aveva ripreso uno stato di semincoscienza. Accanto a lei c'erano un'amica di 17 anni e la sorella quattordicenne, arrivata in un secondo tempo. Proprio l'amica ha raccontato che la ragazzina aveva incominciato a stare male dopo aver bevuto alcuni superalcolici: rum e vodka.

La minore, trasportata all'ospedale Galliera in codice giallo per le cure del caso, è stata sottoposta a test e nel suo sangue è stata trovata una concentrazione di alcol pari a 2,7 grammi per litro, quindi molto alta, che può causare stato di incoscienza, allucinazioni, vomito, cessazione dei riflessi, incontinenza, coma con possibilità di morte per soffocamento da vomito. Molto probabilmente, l'intervento degli agenti le ha salvato la vita.

Il personale della polizia locale ha convocato la madre, a cui la quindicenne è stata affidata dopo le cure dei medici del pronto soccorso. La donna, una trentaquattrenne, quale esercente la patria potestà della minore, sarà sanzionata per l'ubriachezza manifesta della figlia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischia di morire soffocata dal suo vomito, minorenne ubriaca salvata 'in extremis'

GenovaToday è in caricamento