rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca

"Meriti la morte", scatta il divieto di avvicinamento per lo stalker di Bassetti

Per cinque mesi ha scritto mail al professore minacciandolo. In seguito all'indagine della Digos, il tribunale di Genova ha notificato il provvedimento al 57enne novax

"Sei un'ipocrita, meriti la morte". Per cinque mesi un 57enne, appartenente alla galassia novax, ha minacciato di morte via mail Matteo Bassetti, il direttore della clinica Malattie Infettive del San Martino.

La digos di Genova, coordinata dal pubblico ministero Patrizia Petruzziello, ha eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento nei confronti dell'uomo, un disoccupato di Cairo Montenotte, in provincia di Savona, accusato di stalking e minacce.

L'uomo dovrà stare a distanza di 50 metri da Bassetti e di 100 metri dal San Martino. L'indagine è partita negli scorsi mesi dopo la denuncia presentata da Bassetti tramite il suo legale, l'avvocato Rachele De Stefanis.

Bassetti minacciato e inseguito: no vax condannati 

Secondo quanto denunciato lo stalker, Gianfranco Vinci, di 57 anni, avrebbe iniziato a mandare al professore mail ogni giorno, da maggio ad agosto, esprimendo con minacce la sua contrarietà i vaccini. "Domani siete morti anche voi", "cosa te ne fai dei soldi da morto".

Da settembre, però, ci sarebbe stata una escalation di violenza con vere e proprie minacce di morte. "Preparati a morire, la pagherai. Due miei amici sono morti per il tuo vaccino". A quel punto il pubblico ministero ha chiesto la misura e il giudice delle indagini preliminari Claudio Siclari ha accolto. Vista la frequenza delle mail e il contenuto, la procura aveva richiesto l'arresto. 

Si tratta della prima misura cautelare nei confronti di uno stalker di Bassetti ma non è il primo episodio. Nei giorni scorsi è stato condannato l'uomo che lo aveva inseguito e aggredito sotto casa, altri erano stati rinviati a giudizio per le minacce sui social e per diffamazione. Un anno fa sempre la digos aveva perquisito una serie di no vax in tutta Italia e li aveva indagati. L'ultima contestazione risale a pochi giorni fa durante la presentazione di un libro a Sanremo.

La reazione di Bassetti: "Vado dritto per la mia strada"

"Finalmente, è stato attinto dalla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla mia persona e ad ogni luogo da me frequentato lo stalker che, da 5 mesi, mi minacciava pesantemente via mail", ha scritto il professore sui social. "Decine di mail, ogni giorno, ogni notte. Ieri, finalmente, durante la perquisizione del suo appartamento, gli è stato notificato anche il provvedimento del tribunale di Genova. Desidero ringraziare la procura della Repubblica di Genova, in persona del procuratore capo, dott. Nicola Piacente ma, soprattutto, la pm, dott.ssa Petruzziello, per l’impegno e la dedizione profuse nonché per la collaborazione che, ogni giorno, ha dimostrato con il mio avvocato Rachele De Stefanis, la cui costanza è stata fondamentale e determinante. Grazie alla digos di Genova, al suo dirigente, dott. Perisi, i miei “angeli custodi” senza i quali non potrei dormire sonni tranquilli. Come sempre detto, non mi fermo e vado dritto per la mia strada, i risultati di chi è nel giusto ed agisce con correttezza, arrivano sempre".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Meriti la morte", scatta il divieto di avvicinamento per lo stalker di Bassetti

GenovaToday è in caricamento