Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Certosa / Via Ludovico Ariosto

Lavori per il prolungamento della metro, Campora: «Dovremo limitare al massimo i disagi»

«Entro fine luglio, insieme al Municipio, faremo un'assemblea pubblica nel corso della quale verrà illustrato il progetto». Così l'assessore Matteo Campora in consiglio comunale

Nel giorno in cui la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha spiegato come nel Piano strategico Italia Veloce ci sono anche 272 milioni per la metro di Genova, anche il consiglio comunale ha affrontato il tema del prolungamento della metropolitana genovese.

Lilli Lauro (Cambiamo), facendosi portavoce dei cittadini di via Ariosto, in particolare di quelli del condominio interessato solo parzialmente dalla richiesta di esproprio, ha chiesto aggiornamenti sullo stato dell'arte del prolungamento della metropolitana nel tratto Brin-Canepari per conoscere la disponibilità di risorse per i risarcimenti, i tempi e se chi resterà ad abitare lì potrà sempre accedere alle cantine e ai box adiacenti al palazzo o se la strada verrà interdetta. Infine la consigliera ha chiesto un'assemblea pubblica al riguardo.

Per la giunta ha risposto l'assessore Matteo Campora: «nel giugno scorso abbiamo incontrato i soggetti contattati dall'ufficio espropri e questi immobili sono stati individuati attraverso parametri tecnici che, sostanzialmente, riguardano criteri di distanze. In questa prima fase - ha spiegato Campora - è stata presa in considerazione la colonna più prospicente a dove passerà l'elevato ferroviario. Verrano espropriati i residenti del civico 2 di via Ariosto, palazzina in aderenza al civico 4. Il bando è stato pubblicato alcune settimane orsono per quanto concerne i tratti Brin-Canepari e Brignole-piazza Martinez. Sappiamo che questa è un’opera pubblica voluta dalla cittadinanza, superiore ai 150 milioni di euro che comporterà una serie di disagi che dovremo limitare al massimo».

«Entro fine luglio - prosegue Campora -, insieme al Municipio, faremo un'assemblea pubblica nel corso della quale verrà illustrato il progetto tenuto conto che nel momento in cui si chiuderà la gara avremo un progetto esecutivo, anche con l'appalto dei lavori, attraverso il quale potremo definire meglio i tempi delle cantierizzazioni in particolar modo l'incidenza sulla mobilità urbana e la necessità di individuare posti auto alternativi. In questa fase, con la Regione, stiamo valutando le istanze ricevute per trovare le soluzioni più adeguate nell'ipotesi di allargare il numero di soggetti destinatari dell'esproprio, che riceveranno il valore del bene più un'indennità Pris».

«Per quanto concerne l'approfondimento dei singoli casi - conclude l'assessore -, più che in un'assemblea pubblica, faremo incontri ristretti. L'intenzione è anche quella di individuare fonti per maggiori finanziamenti. Nel contempo alcuni residenti hanno espresso l'intenzione di rimanere nella loro casa».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori per il prolungamento della metro, Campora: «Dovremo limitare al massimo i disagi»

GenovaToday è in caricamento