Mercato del pesce, trasferimento a Ca' de Pitta dal 25 luglio

La necessità del trasferimento a Ca' De Pitta nasce dalla situazione gravemente compromessa del mercato di piazza Cavour, con valutazioni tecniche coincidenti da parte degli uffici tecnici comunali e della Asl3

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Si è tenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Palazzo Tursi un incontro con gli operatori del mercato del pesce.

La scelta del Comune è di un trasferimento dell'attività del mercato a Ca' de Pitta a partire da lunedì 25 luglio, una settimana di tempo per consentire un'adeguata comunicazione tra i vari componenti della filiera. Nella struttura di Ca' de Pitta, dotata dei requisiti di sicurezza, sono stati realizzati in queste settimane interventi per l'idoneità igienico sanitaria e per l'ottenimento del bollo CE B527 (autorizzazione sanitaria per alimenti di origine animale).

Per fare fronte alle esigenze manifestate dagli operatori il Comune si è impegnato a eseguire entro l'estate ulteriori interventi finalizzati al miglioramento della catena logistica e a un servizio di controllo puntuale per la movimentazione delle merci.

Trattandosi di una situazione complessa, con l'obiettivo di ridurre i disagi e agevolare il regolare svolgimento dell'attività nella nuova collocazione, il Comune assicura la massima assistenza, con il rafforzamento del servizio degli agenti della Polizia Municipale, e confida nella collaborazione di tutti i soggetti.

La necessità del trasferimento a Ca' De Pitta nasce dalla situazione gravemente compromessa del mercato di piazza Cavour, con valutazioni tecniche coincidenti da parte degli uffici tecnici comunali e della Asl3. Le numerose criticità rilevate per quanto riguarda la sicurezza in diverse aree di lavoro hanno determinato prescrizioni cogenti e conseguentemente il provvedimento di chiusura della struttura.

Torna su
GenovaToday è in caricamento