menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Turati, il mercatino abusivo raddoppia per protesta

Il problema è ormai noto a tutti, ma le parole di Marco Doria in merito sapevano molto di resa del Comune. E così commercianti e residenti sono tornati a protestare nei confronti del mercatino abusivo di via Turati, questa volta con una proposta provocatoria

A Genova si direbbe rendere "pan per focaccia", e sembra che questa volta commercianti e residenti di via San Lorenzo e via Turati vogliano fare sul serio. La questione del mercatino abusivo di via Turati è ormai nota a tutti. Un mercatino di ambulanti in pieno centro, che invade lo spazio antistante alla fermata metro di San Giorgio.

Il Comune di Genova sembrava interessarsi in prima persona per trovare una soluzione che andasse bene ai commercianti della zona, ai turisti e anche agli stessi ambulanti. Ma dopo qualche mese di proposte e bocciature sono arrivate le parole di Marco Doria ("Non si può contrastare la povertà") che sapevano tanto di resa nei confronti del problema. Concetto poi sostanzialmente ribadito dal sindaco di Genova in una sorta di botta e risposta mediatico col comico Luca Bizzarri, che ironizzava sull'incompetenza della Giunta nell'affrontare le problematiche della città.

Ed ecco che commercianti e residenti hanno deciso di fare sul serio, proponendo una forma di protesta provocatoria che di certo non lascerà indifferenti chi di dovere. Un "contro" mercatino abusivo in via San Lorenzo. Una distesa di lenzuola nella via principale del centro storico, con oggetti in vendita di proprietà di residenti e negozianti. «Faremo la stessa cosa» questo sostanzialmente il concetto della protesta espresso dai commercianti.

I diversi comitati si riuniranno per discutere questa forma di protesta il 16 e 17 ottobre alle 21, rispettivamente alla Commenda di Prè e a Santa Maria di Castello, in due assemblee pubbliche a cui sono state invitate anche le istituzioni.

La speranza è quella di evitare forme di protesta e avere delle risposte concrete da parte del Comune, altrimenti il centro storico ha già fatto sapere di volersi muovere in un corteo di protesta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento