Le "meraviglie" di Alberto Angela, cosa si è visto

Il conduttore ha raccontato la potenza di Genova dal Cinquecento a oggi

Un frame tratto dalla trasmissione

È andata in onda ieri sera, sabato 25 gennaio, la puntata di Meraviglie dedicata a Genova.

L'episodio ha chiuso la terza stagione del programma condotto da Alberto Angela con la regia di Gabriele Cipollitti e la fotografia di Enzo Calò.

Genova Today vi ha svelato in anteprima lo svolgersi delle riprese quando, lo scorso novembre, l'elicottero della produzione sorvolava i vicoli.

La puntata si è aperta nel parco della Lanterna di Genova che il conduttore ha chiamato "faro" suscitando, sui social, il "mugugno" di alcuni genovesi. 

Alberto Angela è salito sin "nel cuore del faro" per spiegare il meccanismo che ne consente il funzionamento. Da Di Negro, poi, il conduttore si è spostato a Palazzo del Principe per raccontare la storia dei Doria attraverso le sue sculture: la meravigliosa fontana del Cinquecento periodo in cui Genova era un "sole spendente" e poi la grotta artificiale del Palazzo che ricrea l'atmosfera dei ninfei romani.

Le spiegazioni dell'esperto si sono alternate alla lettura di poesie di Caproni a commento di immagini riprese dall'elicottero che hanno mostrato la conformazione territoriale di questa città che è stata "protagonista della storia del Mediterraneo".

Le riprese si sono svolte in collaborazione di Villa del Principe Palazzo di Andrea Doria, del Trust Floridi Doria Pamphilj e di MuMA e con il supporto tecnico di Genova Liguria Film Commission.

A raccontare la nostra città è stato chiamato Luca Bizzarri, presidente della Fondazione Palazzo Ducale che ha parlato di arte e comicità a Genova. Per Bizzarri la frase più bella su Genova l'ha detta Renzo Piano: "È superba nel senso che sta sopra. A Genova dalle alture si possono vedere i gabbiani dall'alto".

Dalla Lanterna di Genova rivolto verso il porto Angela ha così concluso la parte della trasmissione dedicata alla Superba: «Il mare, la costa, la storia della città ma anche e soprattutto la creatività e la genialità dei suoi abitanti hanno saputo creare sulla costa una luce diversa rispetto a quella del faro: la luce del commercio, della potenza navale; una sorta di inchiostro che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento