Meningite, tre vittime in un mese e mezzo: la più giovane aveva 25 anni

La notte di Capodanno stroncata la 36enne Alicia Corrales Rodriguez, tre giorni prima è toccato al 25enne Joshue Cedeño. A metà novembre era morta Ilaria Caccia, 27 anni

Quattro vittime nel 2019, tre a distanza di poche settimane l’una dall’altra. Si torna a parlare di meningite e vaccini in questi primi giorni del 2020, complice la morte di una donna di 36 anni avvenuta nella serata del 31 dicembre e quella, avvenuta il 29 dicembre, di una giovane di 25. Entrambi residenti a Cornigliano, sono stati uccisi dal meningococco di tipo C, quello più aggressivo e violento, nel giro di pochissimo tempo.

Un caso del tutto simile a quello della 27enne Ilaria Caccia, che lo scorso 17 novembre è morta, sempre all’ospedale San Martino, per uno choc settico causato dal batterio della meningite. Ad aprile un'altra donna, una 54enne originaria dell'Ecuador, era morta in circostanze del tutto simili all'ospedale Galliera. E mentre è scattata l’ennesima profilassi per i parenti e gli amici che sono entrati in contatto con Alicia Silvana Corrales Rodriguez, la 36enne di origini ecuadoriane morta la notte del 31 dicembre, e con Joshue Cedeño, 25 anni, anche lui ecuadoriano, morto il 29, si riaccende l’allarme su batterio che raramente ha esiti così letali, ma che è comunque molto pericoloso e che nell’ultimo mese e mezzo ha colpito tre volte con la stessa modalità.

La causa di morti così rapide e repentine è la sepsi meningococcica, che, come spiega anche Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Infettivologia del San Martino, è molto più grave della meningite: il batterio penetra nel sangue e l’organismo reagisce in maniera devastante, violentissima, portando a uno choc settico e infine alla morte. Tutto nel giro di pochissimo tempo.

«I due casi del San Martino sono apparentemente identici nell’evoluzione perché è evidente l’evoluzione del batterio - spiega Bassetti - il meningococco di tipo C purtroppo può dare un quadro molto simile, una setticemia che va prioritariamente nel sangue e colpisce tutti gli organi, anche l’encefalo. C’è anche la meningite, ma non è solo l’encefalo a essere coinvolto. Quando c’è la setticemia il quadro è molto più grave e devastante, perché il batterio entra nel sangue, che diventa meno fluido e crea dei coaguli, portando al collasso degli organi».

Il fatto che due casi si siano verificati a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro e nello stesso quartiere, Cornigliano, ha inevitabilmente suscitato preoccupazione: «È bene chiarire che sono casi molto rari, e per cui purtroppo non si può fare nulla. I sintomi possono essere anche molto lievi, e non ha senso correre all’ospedale con due linee di febbre per timore della meningite. In quei rari casi in cui si ha questa evoluzione si può fare molto poco. A oggi non si tratta di un focolaio, ma di casi singoli che hanno avuto questa particolare e tragica evoluzione  - spiega a ncora Bassetti - Siamo comunque nella media dei casi italiani, che per regione sono sotto i 5 l’anno, si parla di circa 200 casi in tutta Italia».

Asl 3 e ospedale San Martino hanno già avviato la profilassi prevista in casi di questo genere: «Sono interessati i contatti stretti dei pazienti, cui vengono somministrati antibiotici che dovrebbero bloccare l'infezione - conferma l'infettivologo - Quando parliamo di contatti stretti ci riferiamo a persone che hanno soggiornato nella stessa stanza o locale per più tempo con la vittima, e che hanno avuto un contatto ravvicinato con le secrezioni respiratorie, la saliva in primis. Noi abbiamo somministrato la profilassi ai parenti che hanno accompagnato la donna in ospedale e a chi ha avuto contatti stretti quella sera stessa, del resto si occupa la Asl 3, incaricata di "mappare" tutti coloro che devono sottoporsi a trattamento antibiotico».

Sull’accaduto è intervenuta anche l’assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, che confermato il quadro: «La situazione, costantemente monitorata, a oggi non presenta caratteristiche di allarme. Il numero di casi registrati rientra nella media, sia sotto il profilo temporale sia geografico. Lo hanno confermato anche i nostri esperti epidemiologi e infettivologi che hanno potuto seguire gli eventi». 

Viale, dopo avere espresso vicinanza ai familiari delle due vittime, ha sottolineato che la Asl ha già messo in atto le indagini epidemiologiche e le attività di chemioprofilassi per i contatti stretti, ricordando che il modo più efficace per combattere il batterio è quello di vaccinarsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A oggi il vaccino contro la meningite B è gratuito per i bambini, ed è stato esteso ai ragazzi dai 12 anni sino al 18esimo anno d’età: «La fascia di età prevista è in linea con le previsioni del piano nazionale vaccini laddove non si prevedono vaccinazioni agli over 18 - ha detto Viale - la misura preventiva appropriata, in caso di necessità, rimane la chemioprofilassi per i contatti stretti, misura prontamente attivata in questa evenienza.  Asl 3 ha attivato, sentiti i cittadini direttamente interessati, un numero telefonico dedicato e a loro fornito ove personale sanitario è disponibile a fornire informazioni». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

  • Morso in casa dal cane, portato al pronto soccorso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento