Mediaset: sciopero nella sede di Multedo a Pegli venerdì 20 luglio 2012

Venerdì 20 luglio 2012 anche i lavoratori della sede Videotime di Mediaset a Multedo vicino a Pegli scecndono in sciopero. Riportiamo la nota delle organizzazioni sindacali con cui è stata annunciata la protesta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Genova - Venerdì 20 luglio 2012 anche i lavoratori della sede Videotime di Mediaset a Multedo vicino a Pegli scecndono in sciopero. Di seguito la nota delle organizzazioni sindacali con cui è stata annunciata la protesta.

Mediaset presenta dati economici negativi – annunciano Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil - forte contrazione, nel 2011, dei ricavi (-6% ), del MOL (-12%) e dell’utile che si è attestato intorno ai 170 milioni di euro. Il 2012 ha segnato un ulteriore peggioramento dei conti: alla fine del 1° trimestre 2012 si è riscontrato un azzeramento dell’utile con una ulteriore contrazione dei ricavi sia sul versante della TV generalista che sul fronte della PAY-TV anche grazie ad un costante calo degli introiti pubblicitari. La situazione ha potato Mediaset ad un primo piano di efficientamento con una riduzione della spesa di 250 milioni di euro nell’arco dei tre anni cui si sono aggiunti tagli per ulteriori 150 milioni di euro.

La cessione delle 10 sedi regionali di Videotime risente quindi della crisi, anche se dai dati evidenziano problemi di organizzazione del lavoro principalmente imputabili all'azienda stessa, soprattutto per il ricorso agli appalti esterni e a una mancata sinergia con l’attività dei giornalisti – così una nota congiunta di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil.

Mentre Mediaset non presenta né un piano editoriale né un piano industriale, contestualmente non accetta di affrontare i nodi della crisi, prevedendo il miglior utilizzo delle risorse interne, una maggiore produttività ed un utilizzo più flessibile del lavoro con una attenzione anche al contenimento dei costi, compreso quello del lavoro, mantenendo però intatto il perimetro aziendale e salvaguardandone i livelli occupazionali. A fronte dell’indisponibilità dell’azienda, sono state pertanto proclamate 8 ore di sciopero di cui 4 a livello nazionale da svolgersi nella giornata di Venerdì 20 Luglio alla fine di ogni turno e le altre 4 ore a nei giorni successivi a livello territoriale” annunciano i sindacati.

Contestiamo l’impostazione aziendale anche perché temiamo che questa operazione sia l’inizio di un processo di rivisitazione e riduzione del perimetro aziendale con il conseguente abbandono del presidio del territorio, conclude la nota.

Torna su
GenovaToday è in caricamento