menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maturità al via anche in Liguria per 11.377 studenti: le tracce della prima prova

Ungaretti, Stajano e Sciascia sono al centro di alcune delle tracce proposte ai maturandi, spazio anche al ciclista Gino Bartali e all'attentato mafioso in cui perse la vita il generale Dalla Chiesa

La fatidica "Notte prima degli esami" è terminata ed è tempo di maturità per gli studenti genovesi e di tutta Italia. Alle 8.30 è cominciata la prima prova per i maturandi genovesi (5.886) e liguri (11.377), quella di italiano, che come ogni anno ha tenuto banco nei giorni scorsi con il mitico "tototema" e che coinvolge circa 520mila studenti in tutta Italia.

Maturità 2019: le tracce della prima prova

"Il porto sepolto" di Giuseppe Ungaretti, "Eredità del Novecento" di Corrado Stajano e "Il giorno della civetta" di Leonardo Sciascia sono al centro di alcune delle tracce proposte ai maturandi, le prime ad essere state rese note, ma poi spazio anche a "Istruzioni per l'uso del futuro"  partendo da un testo dello storico dell'arte e saggista Tomaso Montanari, all'attentato mafioso del 1982 in cui perse la vita il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e al ciclista Gino Bartali, nominato "Giusto tra le Nazioni" per aver salvato la vita a molti ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale trasportando documenti falsi con la propria bicicletta.

Maturità 2019: come funziona la prima prova

Complessivamente sono sette le tracce a disposizione dei maturandi, uguali per ogni indirizzo di studio e suddivise in tre tipologie che spazieranno su diversi ambiti. Due le tracce della tipologia A in cui è richiesta un'analisi del testo, tre per la tipologia B che prevede analisi e produzione di un testo argomentativo, due infine per la C dove ai maturandi viene richiesta una riflessione critica su temi di attualità. A disposizione 6 ore, come di consueto, per completare la prova, i più veloci potranno uscire ovviamente iin anticipo, ma non prima di tre ore.

Maturità 2019: le voci del Governo

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti, su Twitter, si è rivolto a tutti i maturandi: «Cari ragazzi, è arrivato il momento. Forza! Sono certo farete del vostro meglio! Buon lavoro a tutti e ricordatevi “La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’opportunità» ha scritto citando Seneca.

E un incoraggiamento agli studenti è arrivato anche dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, che ha twittato: «Da Palazzo Chigi, un pensiero per chi oggi affronterà (e supererà alla grande) l’esame di Maturità, e un abbraccio anche a tutti i Prof. La vita vi aspetta, l’Italia ha bisogno di voi, forza ragazze e ragazzi!».

Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha rivolto un pensiero ai ragazzi di tutta Italia: «Il mio sentito in bocca al lupo ai circa cinquecentoventimila studenti che oggi si cimenteranno con la prima prova dell’esame di Maturità - ha dichiarato - , che quest’anno riserva alcune novità. Siete chiamati a compiere gli ultimi sforzi. Posso immaginare i momenti di ansia e le notti insonni. Ora però conviene che affrontiate quest’ultimo tratto del vostro percorso formativo in modo sereno e positivo: ricacciate via inquietudini e paure e ripensate alle tante emozioni vissute, agli insegnanti e ai compagni che vi hanno accompagnato lungo questo cammino. Gli studi vi hanno reso consapevoli dei vostri diritti e doveri, il sapere vi ha reso donne e uomini liberi, cittadini più responsabili. Godetevi questi ultimi momenti e volgete fiduciosi il vostro sguardo al futuro, che è proprio di fronte a voi, pronto a venirvi incontro».

.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento