rotate-mobile
Cronaca Cicagna

Chiavari: marocchino massacrato, in manette i tre aggressori

Mauro T., Ivo N. e Paolo S. condannati per il pestaggio del nordafricano a Cicagna. Carcere per i primi due, mentre Paolo, ventiseienne operaio, è agli arresti domiciliari

Chiavari - Sono finiti in manette i tre aggressori di Cicagna, che lo scorso 21 agosto hanno massacrato di botte un cittadino marocchino.

Carcere per Mauro T., pensionato di 56 anni e suo cognato Ivo N. di 52, mentre domiciliari per l’operaio ventiseienne Paolo S. Il gip di Chiavari Fabrizio Garofalo ha emesso l’ordinanza, i tre davanti ai carabinieri non hanno battuto ciglio. Sono accusati del reato di tentato omicidio aggravato in concorso del 34enne nordafricano, tuttora all'ospedale. Il gip Fabrizio Garofalo che ha firmato la richiesta di arresto del pm Gabriella Dotto non ha contestato loro alcun movente razziale, disponendo soltanto l'aggravante per l'uso delle armi e particolare di coltelli, spranghe o bastoni.

«Volevamo solo dargli una lezione» avevano affermato il giorno dell’aggressione durante l’interrogatorio. Decisiva per loro la testimonianza del marocchino e un taglio sulla mano di Mauro T., che poi avrebbe confessato. Dopo l’aggressione i compaesani di Cicagna avevano espresso comprensione per gli aggressori, stanchi dei continui furti e rapine in zona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiavari: marocchino massacrato, in manette i tre aggressori

GenovaToday è in caricamento