menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Distrugge citofono dei carabinieri, poi viola il divieto di dimora e finisce in carcere

Un 62enne è stato trasferito a Marassi per aver violato il divieto di dimora, impostogli dopo l'arresto per aver danneggiato il citofono della stazione carabinieri di Molassana

Era già stato arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri del Nucleo Radiomobile, poiché aveva distrutto l'apparato citofonico posizionato all'ingresso della stazione carabinieri di Molassana. Ieri è finito di nuovo in manette.

Protagonista della vicenda un 62enne, originario della Bosnia Erzegovina, senza fissa dimora e con pregiudizi di polizia, rintracciato in via Maritano nei pressi del parcheggio di un supermercato dai carabinieri del Nucleo Investigativo, come disposto dall'autorità giudiziaria locale, che ha emesso nei suoi confronti un ordine di carcerazione, a seguito all'aggravamento del divieto di dimora in questo centro, violato dall'interessato.

L'uomo è stato trasferito nel carcere di Marassi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento