Cronaca

Mareggiata, 6,5 milioni di euro gli interventi urgenti. Danni per 100 milioni

Il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile ha approvato la lista degli interventi di somma urgenza compilata dal governatore ligure Giovanni Toti: ecco come verranno ripartiti i fondi

La Protezione Civile nazionale ha approvato oggi l’elenco degli interventi sostenuti dagli enti territoriali liguri per far fronte ai danni della mareggiata che ha colpito la costa gli scorsi 29 e 30 ottobre inviato nei giorni scorsi dal governatore ligure Giovanni Toti.

In totale sono 6,5 i milioni stanziati dalla Protezione civile nazionale per le somme urgenze e per gli interventi di prima emergenza, che si vanno ad aggiungere al milione e mezzo di risorse già stanziate da Regione Liguria: ad approvare il documento Angelo Borrelli, capo del dipartimento della Protezione civile nazionale, che ha stabilito anche che sul totale dei finanziamenti previsti, 2,7 milioni serviranno per coprire le spese sostenute dai Comuni per interventi di assistenza, soccorso e tutela della popolazione e i restanti 4,7 milioni di euro per il ripristino dei servizi di viabilità.

Secondo le stime della Camera di Commercio, in Liguria la mareggiata ha causato danni per oltre cento milioni di euro (100.816.613), di cui 77.421.690 a beni immobili, e 447 denunce provenienti da 25 comuni. Un bilancio definitivo che individua nel capoluogo ligure il Comune più danneggiato (117 denunce presentate e un totale di 33.322.479 euro di danni) seguito dal Comune di Rapallo(23.491.434 euro e 73 modelli) e da Santa Margherita Ligure (con 23.271.596 euro e 61 modelli).

Conclusa la fase di raccolta ed elaborazione dei dati, la Camera di Commercio ricorda alle imprese che quotidianamente si rivolgono agli uffici camerali che mancano ancora indicazioni da parte del Governo, e in particolare dal Ministero dello Sviluppo Economico, sulle risorse che saranno rese disponibili, gli interventi che saranno assunti e le modalità di erogazione. Risorse e interventi che sono indispensabili per consentire la ripartenza delle imprese e dell’economia di un territorio duramente segnato dagli eventi dell’ultimo periodo.

Per quanto riguarda la viabilità, i finanziamenti previsti serviranno a mettere in sicurezza le strade crollate a seguito del maltempo e a ripristinare ponti e attraversamenti. In particolare nell’entroterra di Genova, nella zona del levante ligure tra Portofino e Santa Margherita, in Valle Arroscia e alle Cinque Terre.

I Comuni beneficiari dei fondi

I Comuni cui sono destinati i finanziamenti sono 57 in tutta la Liguria: 15 in provincia di Genova, 7 in provincia di Imperia, 14 in provincia della Spezia, 21 in provincia di Savona.

In provincia di Genova i Comuni sono: Genova, Arenzano, Bogliasco, Borzonasca, Ceranesi, Cogoleto, Coreglia Ligure, Lavagna, Mezzanego, Ne, Portofino, Rapallo, Santa Margherita Ligure, Sestri Levante, Zoagli tra cui la Provincia di Genova; in provincia di Imperia: Bordighera, Cervo, Cipressa, Mendatica, Ranzo, San Lorenzo al mare, Vasia; 

In provincia della Spezia:  il Comune della Spezia, Ameglia, Beverino, Bolano, Borghetto Vara, Calice al Cornoviglio, Carrodano, Framura, Maissana, Monterosso al mare, Portovenere, Rocchetta Vara, Sesta Godano, Zignago,  e la Provina della Spezia; 

In provincia di Savona: Alassio, Albenga, Albissola Marina, Borghetto Santo Spirito, Borgio Verezzi, Cairo Montenotte, Caracare, Finale Ligure, Garlenda, Giustenice, Laigueglia, Magliolo, Ortovero, Pietra Ligure, Quiliano, Roccavignale, Spotorno, Savona, Vado Ligure, Varazze e Vendone. 

A questi Comuni si aggiungono le tre Province di La Spezia, Imperia e la Città Metropolitana di Genova.

Difese a mare, stanziati 8 milioni di euro

Accanto a questi interventi che potranno essere finanziati subito, si aggiungono ulteriori 8 milioni di euro stanziati nella Legge di Stabilità per le difese a mare in Liguria. Si tratta di risorse che saranno gestite dal commissario delegato per l’emergenza Giovanni Toti e destinati in particolare a quei territori maggiormente colpiti dalla mareggiata come, tra gli altri Imperia, Santa Margherita, Sestri Levante, Monterosso, Moneglia, Lavagna. L’elenco preciso degli interventi previsti, è in corso di definizione da parte della struttura commissariale.

«Questi finanziamenti sono molto importanti perché vanno a coprire le esigenze manifestate dal territorio a cui i Comuni hanno già dato una prima risposta - ha detto l’assessore regionale alla Difesa del Suolo, Giacomo Giampedrone - A queste risorse si vanno ad aggiungere 1,5 milioni di euro di risorse regionali che Regione Liguria ha stanziato immediatamente dopo la mareggiata che ci hanno consentito di intervenire subito nelle situazioni più gravi come ad esempio nell’arteria di collegamento tra Portofino e Santa Margherita. Si tratta di un primo sforzo a cui il governo ha voluto anche dare una risposta positiva, ma ci aspettiamo ulteriori risorse indispensabili a risanare tutti i danni.  Come Protezione civile regionale ci siamo mossi subito per provvedere a stilare un elenco dettagliato di tutti i danni subiti e siamo in grado, non appena arriveranno materialmente le risorse, di distribuirle ai Comuni danneggiati».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mareggiata, 6,5 milioni di euro gli interventi urgenti. Danni per 100 milioni

GenovaToday è in caricamento