menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orrore a Marassi, donna fatta a pezzi in casa. La figlia: «Sono stata io, era già morta»

Succede in via Bertuccioni. Una 37enne ha confessato di avere trovato la mamma 63enne impiccata e di essersi accanita sul cadavere

Choc a Marassi dopo che in un appartamento di via Bertuccioni è stato trovato il cadavere fatto a pezzi di una donna di 63 anni, Loredana Stupazzoni.

A rivelare la presenza del cadavere in casa è stata la figlia della donna, la 37enne G.S., che si è presentata in questura intorno alle 4 della scorsa notte confessando di avere sezionato il cadavere della madre dopo averla trovata impiccata, tre giorni fa. 

Un racconto dell'orrore, su cui i poliziotti della Squadra Mobile stanno adesso indagando per capire se davvero la 63enne si sia tolta la vita, e le motivazioni alla base del folle gesto della figlia di tagliare a pezzi il cadavere.

Stando alle prime informazioni madre e figlia vivevano insieme da qualche mese, e il rapporto era molto conflittuale. La 63enne era separata dal marito, e la figlia viveva con lei, salturariamente, da quando aveva perso il figlio, un bambino di 4 anni morto lo scorso novembre.

Agli inquirenti la 37enne ha riferito di avere trovato la madre in casa, impiccata e ormai morta, e di avere deciso di avere usato sul corpo un coltello che ha detto di avere gettato via, e che non è effettivamente ancora stato trovato all'interno dell'appartamento.

Le parti del cadavere sono state trovate all'interno di alcuni sacchetti di plastica e in un secchio, e sarà ora compito del medico legale analizzare i resti per cercare di accertare se la donna sia effettivamente morta per soffocamento - come dovrebbe essere avvenuto se la versione della figlia è veritiera - o se vi sia invece dell'altro, magari una lite degenerata nel sangue. 

Nell'appartamento al civico 5 di via Bertuccioni, oltre al dirigente della Squadra Mobile, Stefano Signoretti, è arrivato in mattinata anche il pubblico ministero Sabrina Monteverde. La 37enne, che non è in stato di fermo, ha rilasciato una dichiarazione spontanea che ora gli inquirenti stanno passando al vaglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Dati positivi, oggi saremmo in zona gialla»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento