Detenuto s'impicca con le lenzuola, salvato dagli agenti penitenziari

Ancora un tentato suicidio nel carcere di Marassi. A raccontare l'accaduto è Fabio Pagani, segretario regionale della Uil. «L'uomo è stato salvato dagli agenti della Penitenziaria, mentre erano già evidenti i primi segni del soffocamento»

«Ancora una volta, il tempestivo ed efficace intervento della Polizia Penitenziaria ha impedito che la già lunga scia di morti per suicidio in cella potesse allungarsi». È quanto dichiara Fabio Pagani, segretario regionale della Uil Pa Penitenziari.

«Intorno alle 13 di giovedì 14 marzo 2019 a Marassi un detenuto magrebino, ristretto nel centro clinico al primo piano, è stato salvato in extremis dal soffocamento per impiccagione - racconta Pagani -. Il detenuto, già sottoposto a grande sorveglianza, ha tentato di impiccarsi con una corda ricavata dalle lenzuola del letto, legata alle sbarre della finestra della camera. L'uomo è stato salvato dagli agenti della Penitenziaria, mentre erano già evidenti i primi segni del soffocamento».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A Marassi sono presenti 700 detenuti, a fronte di una capienza massima di circa 450 - denuncia il segretario regionale -. La Polizia penitenziaria continua a salvare vite, ad essere oggetto di aggressioni e messa nelle condizioni di non poter incidere a salvaguardare i livelli di sicurezza. Ma grazie all'impegno, alla dedizione, alla professionalità i baschi blu continuano a salvare vite umane e a garantire la sicurezza dell'Istituto, sperando che il ministro sia attento a percepire l'urgenza e la necessità di procedere alle assunzioni nella Polizia penitenziaria, i cui organici registrano vacanze per circa seimila unità, oltre alle criticità strutturali delle strutture penitenzirie e della carenza dei fondi per mezzi, missioni e carburante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento