Detenuto appicca incendio in carcere, tre agenti in ospedale

Momenti di tensione a Marassi. Uno dei tre intossicati si trova ancora ricoverato in osservazione all'ospedale San Martino

Un incendio ha avvolto un intero reparto del carcere di Marassi. Ad appiccare le fiamme sarebbe stato un detenuto tunisino, ristretto presso la quinta sezione, che, intorno alle 12 di lunedì 11 gennaio 2021 ha dato fuoco alle lenzuola. Il personale di polizia penitenziaria è subito intervenuto per mettere in salvo il detenuto e poi contenere e spegnere le fiamme. Durante l'operazione tre agenti hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere per sintomi da intossicazione da fumo (due dimessi con tre giorni di prognosi e il terzo è ancora in osservazione al San Martino).

Ne dà notizia il segretario regionale della Uil Pa Penitenziari, Fabio Pagani, che non manca di analizzare in chiave critica l'accaduto: «Non è possibile che la polizia penitenziaria risulti essere l'agnello sacrificale di un'amministrazione incapace e incompetente - attacca Pagani -. Rivolgiamo un ennesimo appello al ministro della Giustizia Bonafede affinché si apra immediatamente un tavolo di confronto permanente per discutere di modello custodiale, organici, equipaggiamenti, sovraffollamento detentivo e, non ultima, di dotazione di body cam per riprendere le operazioni di servizio della polizia penitenziaria, la quale in massima parte non ha nulla da nascondere, ma verso la quale sembra si sia inaugurato un nuovo sport nazionale fatto di denunce».

«Salviamo la vita ai detenuti, restiamo feriti e nessuno si accorge della polizia penitenziari, invece, quando bisogna punteare il dito su di noi (vedi carcere Firenze Sollicciano), diventiamo immediatamente carnefici. In ogni caso - conclude Pagani - formuliamo ai nostri colleghi coinvolti nei disordini gli auguri di una pronta ripresa ed estendiamo a tutto il personale di Genova Marassi i nostri sensi della più profonda solidarietà e stima».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento