rotate-mobile
Cronaca Marassi / Piazzale Marassi

Marassi: poliziotto aggredito da un detenuto, sale l'allarme

L'aggressione domenica pomeriggio nei corridoi del carcere. A denunciare l'accaduto il Sappe ligure: «E' indispensabile trattare sicurezza e incolumità del personale con priorità»

Ennesimo episodio di violenza nel carcere di Marassi, dove domenica pomeriggio un detenuto ha aggredito un poliziotto in servizio che ha riportato ferite guaribili in 7 giorni.

Stando alle prime ricostruzioni, l’aggressione sarebbe scaturita in seguito alle provocazioni del detenuto, che a un certo punto si sarebbe scagliato contro il poliziotto di turno: a denunciare il fatto è Michele Lorenzo, segretario regionale del Sappe (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria), che ha sottolineato ancora una volta le criticità in cui versano le carceri liguri: «Per il Sappe è indispensabile trattare sicurezza e incolumità del personale con priorità, proponendo la costituzione di un tavolo di confronto tra Amministrazione penitenziaria e sindacato».

Si tratta di un nuovo episodio nell’arco di poco più di un mese: qualche settimana fa si era registrato un'altra aggressione ai danni di un agente in servizio, colpito al volto da un detenuto armato da un manico di scopa, mentre qualche giorno dopo un altro detenuto aveva dato fuoco al materasso della propria cella causando l’intossicazione di 6 poliziotti, trasferiti al pronto soccorso dell’ospedale San Martino.

«Sconcerta che in un momento di maggiore attenzione ai fenomeni che riguardano la sicurezza, venga meno la presenza dei responsabili dell’istituto, cosa che interessa anche i commissari comandanti: quello di Imperia è stato inviato da quasi due anni a Pontedecimo, quello di Sanremo regge part time anche Imperia, mentre dei 4 commissari in forza a Marassi ben 3 sono assenti», ha concluso Lorenzo.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marassi: poliziotto aggredito da un detenuto, sale l'allarme

GenovaToday è in caricamento