Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca San Fruttuoso / Corso Sardegna

Scippi nei portoni a Marassi, preso un 25enne: forse è lui il "cobra"

Gli agenti della Squadra Mobile hanno fermato un giovane, di professione buttafuori in un locale del centro storico, accusato di avere aggredito e rapinato un pensionato lo scorso 24 giugno. Ma il sospetto è che sia l'autore di tutti gli altri colpi messi a segno nel quartiere

Finisce un incubo per i residenti di Marassi che nelle ultime settimane vivevano nel terrore di essere aggrediti e scippati da quello che è stato ribattezzato “il cobra dei portoni”, un uomo che si appostava negli androni dei palazzi per poi sorprendere le sue vittime e derubarle.

Gli agenti della Squadra Mobile hanno arrestato questa mattina un 25enne di origini marocchine, accusato di avere messo a segno proprio uno dei colpi attribuiti al "cobra": i fatti risalgono alla mattina dello scorso 24 giugno, quando un pensionato, appena sceso dall’autobus e di ritorno nella sua abitazione di corso Sardegna, è stato aggredito da un uomo descritto come “giovane, con un fisico prestante e i capelli scuri”, una descrizione che combaciava con l’identikit messo a punto dagli inquirenti sulla base delle testimonianze delle altre vittime. In quell’occasione, il malvivente aveva brutalmente assalito il pensionato, cardiopatico e con evidenti problemi di deambulazione, strappandogli una catenina d’oro dal collo e poi dandosi alla fuga spaventato dalle urla dei passanti che avevano assistito alla scena e avevano anche tentato un breve inseguimento.

Le indagini, coordinate dal dirigente della Squadra Mobile, Annino Gargano, erano scattate immediatamente e avevano messo gli agenti sulle tracce di un giovane senza permesso di soggiorno con precedenti condanne proprio per scippo e detenzione di stupefacenti che lavorava come buttafuori in un locale notturno di via Ravecca, nel centro storico genovese. Sulla base di un’ordinanza emessa dal gip del tribunale di Genova gli agenti hanno quindi arrestato il 25enne nella sua casa di Marassi, e l’hanno trasferito in carcere con l’accusa iniziale di “furto con strappo aggravato”. Ma le indagini non sono ancora concluse, perché gli inquirenti hanno forti sospetti che sia proprio lui l’autore dei numerosi scippi messi a segno nelle ultime settimane nel quartiere, complice lo stesso modus operandi messo in atto in ogni singolo caso. 

Fondamentali per accertare eventuali responsabilità sono le testimonianze delle vittime e le riprese di alcune telecamere di sorveglianza che potrebbero avere immortalato il cobra mentre si dava alla fuga dopo avere aggredito e rapinato un uomo in via Marassi, uno dei primi colpi messi a segno: “Al momento i nostri sforzi sono finalizzati a verificare correlazioni tra i casi - fa sapere Gargano - Le indagini svolte nelle zone di Rivarolo e Bolzaneto, altri quartieri in cui c’è stata un’escalation di scippi, hanno già portato all’arresto di quello che riteniamo essere l’autore la settimana scorsa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scippi nei portoni a Marassi, preso un 25enne: forse è lui il "cobra"

GenovaToday è in caricamento