menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vespasiani pubblici, al via la manutenzione

Attualmente, su 84 vespasiani pubblici presenti in città, 32 sono chiusi perché necessitano di manutenzione. I lavori partiti lunedì consentiranno il completo recupero e l'accessibilità di diversi vespasiani attualmente chiusi e il mantenimento in funzione e il decoro di quelli aperti

Iniziati lunedì 29 marzo 2021 i lavori di manutenzione, che, entro un mese, riguarderanno 39 vespasiani pubblici distribuiti nei nove municipi genovesi. Si tratta d'interventi di manutenzione ordinaria, che comprendono pulizia, riverniciatura e ripristino, e sono eseguiti dal Consorzio Nazionale Snafat.

Attualmente, su 84 vespasiani pubblici presenti in città, 32 sono chiusi perché necessitano di manutenzione. I lavori partiti lunedì consentiranno il completo recupero e l'accessibilità di diversi vespasiani attualmente chiusi e il mantenimento in funzione e il decoro di quelli aperti. Per altri che necessitano di manutenzione straordinaria è stata avviata una valutazione tecnico-economica degli interventi. Inoltre, è in corso uno studio anche sulla sostituzione di alcuni vespasiani con bagni adatti al personale femminile di Amt.

«Anche in vista dell'estate e nella speranza che possano presto tornare i turisti, abbiamo voluto rispondere a una richiesta molto sentita dalla cittadinanza - dice il consigliere delegato Sergio Gambino -. Avere vespasiani in ordine, accessibili e sicuri è un segno di civiltà per i residenti e per i turisti, nell'ottica di una Genova sempre più pulita e accogliente. Oltre alla risistemazione dei vespasiani, stiamo pensando all'apertura di un bagno pubblico gestito in piazza Caricamento».

Un altro capitolo è quello dei servizi igienici pubblici, la cui offerta continua a crescere. Nei giorni scorsi sono stati aperti all'utenza i servizi limitrofi alle stazioni metro di piazza San Giorgio e di piazza Sarzano, accessibili ai disabili.

I tre bagni vanno ad aggiungersi a quelli già aperti di piazza De Ferrari (limitrofo alla stazione metro e riaperto a settembre dopo il restyling), di Palazzo Tursi, del mercato Orientale, della galleria Atlantide all’Acquario, di Testata Millo a Calata Mandraccio e dei Magazzini del Cotone.

I servizi igienici pubblici sono affidati in gestione - con concessione per favorirne l’autosufficienza economica - a cooperative sociali per la pulizia, la sanificazione e la custodia. Sono in via di riqualificazione i servizi igienici di piazza della Meridiana, mentre è in fase progettuale la realizzazione dei bagni pubblici del mercato di Di Negro e della Darsena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento