menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente in porto: il giorno dopo Genova si ferma, sit-in commemorativo in piazza

Giovedì 9 maggio la città onora le sette vittime dell'incidente al Molo Giano. Migliaia le persone presenti alla manifestazione, dove non sono mancati attimi di tensione e contestazione

Genova – Un’intera città si è fermata. Giovedì 9 maggio è stato il giorno del lutto cittadino a Genova per l’incidente del Molo Giano che ha causato sette morti, quattro feriti e ancora due dispersi. Alle ore 11 migliaia di genovesi si sono ritrovati in piazza Matteotti e per quindici minuti tutta la città si è fermata: chiusi negozi, banche, supermercati e sospese tutte le attività in scuole e università.

Piazza a dir poco gremita, i primi ad arrivare sono stati gli operai delle riparazioni navali, seguiti da Fincantieri e dai camalli del porto. Presenti anche tutti i rappresentanti delle istituzioni civili e militari.

La manifestazione si è aperta con un minuto di silenzio, poi il microfono è passato al sindaco Marco Doria. Non sono mancate le polemiche: prima dell'inizio della cerimonia gli operai avrebbero chiesto al sindaco di lasciare il microfono in primis ai lavoratori, ma secondo alcune indiscrezioni la richiesta non sarebbe stata accolta.

Le orazioni sono continuate con Ivano Bosco, segretario della Cgil e con il responsabile dei cappellani del lavoro, monsignor Molinari. Durante il discorso dell'esponente religioso non sono mancati momenti di tensione, con qualche protesta da parte dei lavoratori, riportati alla calma nel giro di pochi minuti.

Dopo i discorsi "di rito" ecco finalmente che il microfono passa ai lavoratori, nonostante qualche istante di "black out". «Siamo noi quelli che lavoriamo, e non lavoriamo in giacca e cravatta. Andiamo a massacrarci, dobbiamo essere protetti» ha sentenziato un lavoratore, tra gli applausi della folla.

Alle ore 11.40 tutto finito, dopo le orazioni dei lavoratori il corteo si è sciolto e Genova ha ripreso un lento ritorno alla normalità. Continua invece lo sciopero dei lavoratori indetto da Cgil, Cisl e Uil fino alle 13.00.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crollo cimitero Camogli, il cronoprogramma dei lavori

  • Coronavirus

    Covid, in Liguria 248 nuovi positivi, 11 nuovi ospedalizzati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento