menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Iplom: Fegino, in cento in piazza per chiedere la bonifica

Circa cento cittadini hanno partecipato alla manifestazione di questa mattina a Fegino. Polemiche contro la Iplom

Circa un centinaio di persone si sono ritrovate in piazza questa mattina a Fegino per chiedere con forza la bonifica del fiume dopo gli sversamenti di petrolio, in occasione della manifestazione indetta dai cittadini del borgo e da Legambiente.

Non sono mancate le polemiche: i cittadini oltre la bonifica chiedono anche la delocalizzazione della Iplom, e si sono presentati in piazza con le mascherine sul viso. Nel frattempo la magistratura fa il suo corso, e dalle indagini risultano già alcuni dati: il tubo che si è rotto, sprigionando petrolio nel fiume, era troppo sottile e l'azienda lo sapeva. E ci sono già due indagati: il direttore della Iplom, Vincenzo Columbo, e il perito che aveva certificato la sicurezza dei tubi. Ma l'elenco potrebbe aumentare, anche perchè da un report interno si evince che già tre anni fa si era a conoscenza del fatto che - oltre al tubo che si è rotto - esistono almeno altri 25 punti a rischio nel tragitto da Multedo a Busalla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento