menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo in Liguria, Toti: «Serve un piano straordinario per il nostro territorio»

A Savona arriva il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli dopo il crollo di una parte di viadotto sull'autostrada A6 in seguito a una frana

Per la Liguria servono misure straordinarie. Qusto il pensiero del presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, espresso nel corso della conferenza stampa che si è svolta nella sede della Provincia di Savona dopo il crollo del viadotto sulla A6, la Torino Savona, alla presenza anche del Prefetto di Savona Antonio Cananà, del presidente della Provincia di Savona Pierangelo Olivieri, della vicepresidente di Regione Liguria e assessore alla salute Sonia Viale, dell'assessore regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, del sindaco di Savona Ilaria Caprioglio.

«È chiaro a tutti che occorre un piano straordinario per mettere in sicurezza il nostro territorio e di ripristino delle strade - ha detto Toti -, non possiamo inseguire tutte le volte danni così estesi che comportano enormi rischi per le persone e anche contraccolpi economici. Come Regione abbiamo già stanziato risorse, con il Dipartimento nazionale della Protezione civile aggiorneremo le somme urgenze, ma serve uno sforzo in più per un piano globale di messa in sicurezza che si faccia il giorno prima, in modo da garantire una maggiore tenuta di nostre infrastrutture. A questo punto speriamo solo che la nottata si chiuda con una buona notizia e che nessuno sia rimasto coinvolto nel crollo del viadotto».

«Ora ci sarà la valutazione della Procura della Repubblica - ha continuato Toti - per stabilire cosa ha innescato la frana. A noi, come Istituzioni, compete ristabilire le normali condizioni di vita nel più breve tempo possibile. Riaprire le strade e garantire il presidio sanitario. Con lo stato di emergenza ci saranno le stime dei danni sull'intera regione. Ora, prima di tutto, dobbiamo vedere se questo ennesimo crollo ha comportato perdite di vite umane».

Nel frattempo il presidente Toti ha annunciato la presenza lunedì 25 novembre alle 9.30, sul luogo del crollo del viadotto, del ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli. Un sopralluogo per verificare quanto accaduto a cui seguirà una conferenza stampa.

Toti ha ricordato che la frana che ha investito il viadotto autostradale é una delle moltissime che hanno colpito in queste ore il savonese e in generale il territorio regionale, compresa Genova. «Abbiamo già anticipato al capo del dipartimento nazionale di Protezione civile Borrelli che stiamo già compilando le schede dei danni - ha aggiunto Toti -. Inoltre come sanità abbiamo messo in atto misure che al momento sono sufficienti. Tra queste l'accordo con il 118 del Piemonte per effettuare interventi importanti, nel caso in cui non si riuscisse ad arrivare all'ospedale San Paolo o al Santa Corona. Abbiamo aumentato il numero di automediche sul posto, ci siamo attivati anche per assicurare i pasti ai degenti».

«Nelle ultime 36 ore - ha aggiunto il governatore - la quantità di pioggia che è caduta è stata maggiore di quanto avvenuto nel 2014, in cui già si era registrata una situazione eccezionale. Quanto accaduto con il crollo del viadotto ha messo ancora più in evidenza, se ce ne fosse stato bisogno, l'estrema fragilità del nostro territorio a cui servono misure e un piano eccezionale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento