Nave contro torre porto Genova: lutto cittadino e sit-in a Matteotti FOTO

Le Segreterie di Cgil, Cisl e Uil ringraziano le migliaia di lavoratrici e lavoratori, cittadine e cittadini che giovedì 9 maggio 2013 hanno partecipato alla manifestazione in piazza Matteotti in occasione della giornata di lutto cittadino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Genova - Le Segreterie di Cgil, Cisl e Uil ringraziano le migliaia di lavoratrici e lavoratori, cittadine e cittadini che giovedì 9 maggio 2013 hanno partecipato alla manifestazione in piazza Matteotti in occasione della giornata di lutto cittadino per dimostrare la vicinanza e la solidarietà della città alle famiglie delle vittime dell’incidente avvenuto in porto. Ancora una volta il mondo del lavoro genovese e la città hanno risposto positivamente.

Dispiace, per lui e per ciò che rappresenta, della contestazione che ha disturbato l’intervento di Monsignor Molinari al quale va tutta la nostra solidarietà e il ringraziamento per l’attività che svolge nei posti di lavoro e nella comunità genovese. Queste persone avevano evidentemente bisogno di farsi pubblicità in una iniziativa di alto valore, organizzata da altri, non essendo loro in grado di farlo e non rispettando il significato della giornata stessa. Dispiace anche notare come, ancora una volta, una certa parte della stampa preferisca esaltare un episodio marginale rispetto alla grande e composta presenza di migliaia di persone.

Quello sparuto gruppo di persone non rappresenta i lavoratori né dei terminal né della CULMV né degli altri settori portuali che da anni eleggono liberamente i loro rappresentanti, e non è certamente in grado di delegittimare le OO.SS confederali.

Né tantomeno rappresentano gli iscritti di Cgil Cisl Uil che sono decine di migliaia e hanno in piena autonomia scelto di iscriversi alle nostre organizzazioni sindacali.

Segreterie CGIL CISL UIL GENOVA e LIGURIA

Torna su
GenovaToday è in caricamento