Luca Delfino torna in tribunale: accusato di violenza sessuale su compagno di cella

Il killer di Antonella Multari, condannato a 16 anni e 8 mesi di carcere con rito abbreviato, è stato accusato da un detenuto di Sollicciano di averlo palpeggiato e perseguitato

Torna in tribunale Luca Delfino, in carcere per l’omicidio dell’ex fidanzata Antonella Multari, avvenuto nel 2007 a Sanremo, e indagato anche per il delitto di Luciana Biggi, avvenuto a Genova nel 2006, per cui è stato poi assolto per insufficienza di prove. Delfino, assistito dall’avvocato Riccardo Lamonaca, è tornato in aula per rispondere delle accuse di stalking e violenza sessuale ai danni di un detenuto.

Stando a quanto denunciato dall’uomo, Delfino, oggi 42 anni, lo avrebbe svegliato una notte palpeggiandolo. Il gip ha rinviato l'udienza al 4 novembre, ordinando una perizia psichiatrica sul detenuto. Si tratta dello stesso uomo che aveva portato a una seconda indagine nei confronti di Delfino, nata dalla procura di Firenze: l’uomo aveva raccontato che Delfino gli aveva confessato di avere ucciso un compagno di cella a Sollicciano, e di essere riuscito a fare passare quanto accaduto come un suicidio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio a Solilcciano Delfino era stato vittima di un’aggressione in cella, ed era stato trasferito nel carcere di Pontedecimo. Lo scorso anno il killer - condannato a 16 anni e 8 mesi con rito abbreviato per l’omicidio di Antonella Multari - aveva chiesto e ottenuto uno sconto di pena, pochi giorni ma sufficienti a scatenare le polemiche sulle sorti di un uomo che è sospettato di avere commesso almeno tre omicidi, compreso quello della Multari, e accusato di diverse violenze sessuali. Il fine pena, a oggi, è fissato al 2023: se ritenuto ancora pericoloso, dovrà essere trattenuto in una struttura psichiatrica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento