menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Babbo Natale non esiste», dopo le polemiche Loprieno diserta il concerto a Santa Margherita

Il direttore d'orchestra finito nell'occhio del ciclone per l'infelice frase pronunciata davanti a una platea di bambini ha rinunciato allo spettacolo gratuito di inizio anno nel Tigullio

«Comunque Babbo Natale non esiste»: una frase talmente infelice, quella del direttore d’orchestra Giacomo Loprieno, da scatenare una valanga di polemiche e costargli i primi ingaggi dell’anno. Dopo il polverone sollevato al termine del concerto per bimbi “Disney in Concert: Frozen”, andato in scena lo scorso mercoledì all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Loprieno ha infatti deciso di saltare l’impegno preso con il Comune di Santa Margherita Ligure per dirigere il concerto del primo dell’anno al Teatro Cinema Centrale. Stessa cosa con Lerici, in provincia della Spezia, dove avrebbe dovuto esibirsi nella stessa giornata all’Astoria.

Loprieno, carrarese di nascita e molto conosciuto in Liguria, era stato contattato dall’amministrazione comunale di Santa Margherita per dirigere la Ensemble Symphony Orchestra, ma un cartello all’ingresso del teatro informava il pubblico che ieri mattina si è presentato per il concerto che il maestro sarebbe stato sostituito, ufficialmente per «indisposizione». Impossibile non andare con il pensiero a quanto accaduto lo scorso 28 dicembre al Parco della Musica di Roma, quando davanti a una platea gremita di bimbi e genitori, forse infastidito dal rumore alla fine del concerto e dalla decisione di alcune famiglie di lasciare la sala in anticipo, Loprieno ha afferrato il microfono borbottando che «Babbo Natale non esiste».

Immediate le proteste, con decine di mamme e papà scioccati e bambini in lacrime al termine di uno spettacolo unanimamente definito “magico”, e la pioggia di polemiche che ha investito il direttore d’orchestra, con gli organizzatori del concerto che hanno immediatamente preso le distanze da quanto accaduto: «Ci dispiace moltissimo per quanto successo - si leggeva nella nota della Dimensione Eventi - Ribadiamo la nostra completa condanna del gesto. Come tutti i presenti siamo rimasti sconcertati da una dichiarazione assolutamente personale del direttore, tra l’altro a spettacolo ormai terminato».

Inevitabile dunque associare alla decisione di rinunciare al concerto di fine anno a Santa Margherita e a Lerici il desiderio di restare alla larga dai riflettori ed evitare di rilasciare commenti, mentre i genitori pensano già a presentare una class action.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento