menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«No al lavoro obbligatorio nei giorni festivi», la protesta nel giorno dell'Epifania

Un volantinaggio per dire no al lavoro "obbligatorio" nei giorni festivi. Ha deciso di organizzarlo Potere al Popolo nei pressi dei supermercati del centro storico di Genova e nella zona commerciale di Campi

Un volantinaggio per dire no al lavoro "obbligatorio" nei giorni festivi. Ha deciso di organizzarlo Potere al Popolo nei pressi dei supermercati del centro storico di Genova e nella zona commerciale di Campi. Il movimento politico di sinistra ha spiegato le ragioni della protesta in una nota.

«Il 6 gennaio è un giorno di festa. Ma non lo è per chi lavora nella grande distribuzione - hanno scritto - . Il lavoro festivo deve essere volontario e deve essere pagato molto di più. Invece, da molto tempo, i lavoratori sono costretti di fatto a lavorare di domenica e nei festivi con una piccolissima mancia sullo stipendio. A fronte di tutto questo, i consumi non sono mai aumentati e quello che si comprava in sei giorni si compra in sette. I supermercati e i grandi magazzini non sono musei, teatri o sale cinematografiche. Non sono neppure ospedali o servizi pubblici. I lavoratori del commercio hanno diritto ai giorni di riposo e questo non lede i diritti di nessuno. Il giorno della Befana distribuiremo quindi volantini con queste rivendicazioni nei supermercati del centro storico al mattino e, al pomeriggio, nella zona commerciale di Campi».
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento