menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavagna, espulso integralista islamico vicino all'Isis

Sahbi Chriaa, 37 anni, tunisino nato a Montreuil e residente a Bordeaux, è stato espulso dall'Italia perché 'persona indesiderata'. L'uomo era stato arrestato a Lavagna

Era stato arrestato lo scorso 10 gennaio a Lavagna e aveva reagito picchiando il poliziotto, ora Sahbi Chriaa, 37 anni, tunisino nato a Montreuil e residente a Bordeaux, è stato espulso dall'Italia perché 'persona indesiderata'.

La proposta di espulsione, basata anche su una nota dell'Aise dove si sostiene che il tunisino aveva 'radicalizzato' la propria fede islamica in carcere a Nanterre durante la reclusione per un tentato omicidio, è stata avanzata da questore e prefetto di Genova ed è stata accolta dal giudice.

Chriaa, che ha detto di essere in Italia in vacanza e di voler andare a Pisa e Firenze, sarà accompagnato a Nanterre dalla polizia. Al momento dell'arresto si trovata in auto con una prostituta, all'interno del mezzo è stato trovato un coltellino realizzato con una spatola, un tagliacavi, un piede di porco e una piccola ascia oltre a un pc.

Adesso si trova recluso nel carcere di Marassi in isolamento per aver inneggiato alla Sharia e così facendo ha disturbato alcuni detenuti di fede islamica che si sono lamentati con la direzione del carcere. L'episodio è stato segnalato alla questura dalla direzione del carcere.

Sahbi Chriaa non ha voluto presenziare all'udienza davanti al giudice che ne ha disposto l'espulsione coatta ma tramite i suoi avvocati, Gianfranco Pagano e Valentina Traverso, ha fatto sapere di voler "rientrare quanto prima in Francia".

Gravato da alcuni precedenti penali per furto con scasso, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale e tentato omicidio di un coetaneo in una discoteca di Nanterre, Chriaa ha scontato la sua pena nel carcere della città dell' Hauts-de-Seine dove si trovano alcuni integralisti islamici assistiti tra l'altro da un 'cappellano' musulmano. "Molti di loro si convertono - aveva detto a Le Monde Abdelhafid Laribi, assistente spirituale per i musulmano nel carcere di Nanterre - ma pochi hanno nozioni dell'Islam".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento