Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Pericoloso latitante arrestato mentre riscuote la pensione d'invalidità

Il 48enne era stato condannato dalla Corte d'Appello di Genova poiché nella tarda serata del 4 aprile 2011 era stato sorpreso nei pressi della stazione Principe con un coltello a farfalla

Il 2 marzo 2015, a Torino, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Genova, con la collaborazione dei colleghi del posto, hanno arrestato un uomo di 48 anni a seguito di un ordine carcerazione dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Genova, dovendo scontare la pena di un anno e 6 mesi di reclusione per una condanna per porto abusivo di arma.

Il 48enne era stato condannato dalla Corte d'Appello di Genova poiché nella tarda serata del 4 aprile 2011 era stato sorpreso nei pressi della stazione Principe con un coltello a farfalla, lungo complessivamente 25 centimetri, di cui 12 di lama.

Il controllo era scaturito nell'ambito di un servizio per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi della stazione ferroviaria ove il 48enne, residente nel capoluogo piemontese, si era recato ‘in trasferta’ per acquistare della droga.

Infatti lo stesso in passato, in diverse occasioni, era stato sorpreso nelle vie del centro piemontese ad acquistare cocaina oppure eroina, oltre che perpetrare diversi delitti sia contro il patrimonio (furti e scippi) che anche contro la persona (lesioni).

Ma l'uomo da circa un anno, nel capoluogo piemontese, aveva fatto perdere le sue tracce tanto che risultavano numerosi verbali di vane ricerche redatti in diverse occasioni da varie forze di polizia che lo cercavano per notifiche inerenti vicende giudiziarie che lo vedevano coinvolto.

Nella mattinata del 2 marzo 2015, i carabinieri della Sezione Catturandi del Nucleo Investigativo di Genova, a seguito di approfonditi accertamenti, hanno arrestato il 48enne a Torino, in via Ferdinando Marsigli, nei pressi di un ufficio postale, poiché l'attività d'indagine avviata per il rintraccio aveva permesso di scoprire che era beneficiario di una piccola pensione di invalidità che puntualmente ritirava ogni mese, sempre il primo lunedì e sempre nello stesso ufficio postale.

Ieri è stato atteso presso l'ufficio, ormai individuato dai militari genovesi e bloccato allo sportello. Inutile tentare di negare la propria identità, dato che i documenti, originali, li aveva appena consegnati all'impiegato postale allo sportello per procedere alla riscossione della pensione.

Dopo le formalità di rito al Comando Provinciale di Torino è stato associato alla Casa Circondariale Le Vallette di Torino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pericoloso latitante arrestato mentre riscuote la pensione d'invalidità

GenovaToday è in caricamento