menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello di Luca Bizzarri: «Andate a visitare la nostra Lanterna... se riuscite a trovarla»

Da Facebook, con la consueta ironia, l'attore e conduttore genovese ha invitato alla riscoperta del simbolo della Superba. Anche se non è facilissimo capire come arrivarci

Anche Luca Bizzarri scende in campo in difesa del simbolo della Superba: con un lungo post su Facebook, l’attore e conduttore genovese ha invitato tutti a «andare a visitare la nostra Lanterna, quando avete tempo, perché è meravigliosa», senza risparmiare l’ironia che da sempre lo contraddistingue per puntare il dito contro la gestione del monumento, a oggi affidata all’associazione “Giovani Urbanisti”, che dal 2014 si occupano della manutenzione del faro e degli spazi esterni e della promozione turistica.

«Certo dovete trovarla, perché in tutta la città non c'è neppure un cartello che indichi la strada giusta per arrivarci. E non è facilissima. Dovrete passare attraverso camion parcheggiati e camionisti che si cucinano il pranzo di fianco ai loro camion. E pure loro, poveretti, che devono fare. Se li fanno posteggiare lì…», è l’attacco di Bizzarri, che sui social, uno dei suoi mezzi favoriti per intervenire su questioni legate alla sua città, ha proseguito sottolineando che «vedrete come la Provincia ha speso (bene) i soldi del G8 facendo una bella passeggiata sulle mura e una bella ristrutturazione. Però poi hanno abbandonato tutto. Quindi vedrete che il monumento più rappresentativo della nostra città è tenuto aperto da cinque volontari che si cambiano pure le lampadine a spese loro. Insomma vedrete perché la nostra città potrebbe essere un polo turistico importantissimo, e invece non lo è. Vi basterebbe essere stati, non dico a San Francisco, ma a Riccione o ad Acqui Terme per capire che ci sono quelli che valorizzano la propria città e quelli che valorizzano il proprio culo su una poltrona importante».

«Andate a vedere la nostra Lanterna, diventatene amici. Facciamo vivere Genova», ha concluso Bizzarri, in un post che nel giro di poche ore ha riscosso centinaia di like e condivisioni e decine di commenti positivi, oltre all’appoggio delle persone che da mesi si battono contro l’ipotesi che il Polo Petrolchimico venga spostato proprio nella zona delle centrali Enel, dismesse a partire dal 2017, complicando ulteriormente il rilancio turistico dello storico faro e del quartiere.

Soddisfazione è arrivata anche da Andrea De Caro, presidente dei Giovani Urbanisti, che sempre via Facebook ha ringraziato Bizzarri per il sostegno chiarendo che «certamente le istituzioni, se pur con i soliti tempi, si stanno adoperando insieme a noi per risolvere questo limbo e questa situazione complicata. Tuttavia, si potrebbe fare di più, e al momento da soli per noi non è facile. Ci sono poi tantissime cose da sistemare come la segnaletica e una riqualificazione delle aree limitrofe, ma noi andiamo avanti! La Lantenra è aperta - ha ricordato - Più visitatori verranno, più ci sentiremo gratificati del progetto di valorizzazione che abbiamo intrapreso. L'obiettivo è farla tornare un luogo di riferimento per tutta la città».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento