menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vittime di Lampedusa: Genova scende nuovamente in piazza

Presidio davanti alla Prefettura per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica verso un fenomeno, come quello delle stragi di immigrati nel Mediterraneo, che negli ultimi 25 anni ha tracciato una striscia indelebile di sangue, morte e responsabilità

Venerdì 11 ottobre Genova scende nuovamente in piazza per ricordare le vittime di Lampedusa. Il presidio si terrà in Largo Eros Lanfranco, sotto la Prefettura alle ore 15,30.

«Per una diversa politica dell’immigrazione e dell’asilo: fermiamo le stragi nel Mediterraneo, fermiamo i viaggi dell’orrore, fermiamo la cultura della ferocia» recita il comunicato dei sindacati.

Una giornata di mobilitazione nazionale indetta da Cgil, Cisl, Uil per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica verso un fenomeno, come quello delle stragi di immigrati nel Mediterraneo,  che negli ultimi 25 anni ha tracciato una striscia indelebile di sangue, morte e responsabilità nelle nostre coscienze. Alle ore 16,00 una delegazione sindacale di Cgil, Cisl, Uil Genova e Liguria incontrerà il Signor Prefetto o un suo rappresentante per discutere delle proposte che le rappresentanze sindacali avanzano in materia.

La tragedia di Lampedusa si aggiunge a decine di altre che si sono consumate negli ultimi anni e che sono costate la vita ad oltre ventimila persone: esseri umani che hanno lasciato il loro Paese fuggendo da guerre e persecuzioni o alla ricerca di una vita migliore. 

Nel giorno del dolore, dell'indignazione e della vergogna per l'ennesima tragedia di morte, per fermare i viaggi dell'orrore e per fare in modo che l'esortazione gridata da tutti non sia vana, Cgil, Cisl, Uil nel segno di cordoglio e solidarietà,  indicono una mobilitazione in tutta Italia per una diversa politica in materia di immigrazione ed asilo.

«Cgil, Cisl, Uil di Genova e Liguria  non resteranno in silenzio di fronte al ripetersi di queste tragedie. Il mondo del lavoro si mobilita perché all'indignazione ed al dolore possa seguire la ricerca di soluzioni concrete».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento