Ancora senza nome il cadavere dei laghetti

Proseguono le indagini da parte della polizia per identificare l'uomo, trovato morto ai laghetti di Nervi. L'ipotesi più probabile è che sia scivolato e abbia battuto la testa

Proseguono le indagini per tentare di dare un nome all'uomo, trovato morto sabato 24 agosto 2019 ai laghetti di Nervi. Dalla questura fanno sapere che non risultano segnalazioni di persone scomparse, che possano essere riconducibili al cadavere.

Dopo l'autorizzazione del magistrato, la salma è stata portata via a bordo dell'elicottero dei vigili del fuoco. L'uomo, dall'apparente età compresa fra i 40 e i 50 anni, indossava abbigliamento sportivo e non aveva con sé documenti. L'ipotesi più probabile è che sia scivolato e abbia battuto la testa. Da un primo esame del cadavere non sono emersi segni che possano fare pensare ad altro.

A dare l'allarme per la possibile presenza di un morto sono stati alcuni escursionisti. La zona, molto impervia e poco frequentata, è quella in cima al sentiero che costeggia i laghetti di Nervi, poco sotto la cappella di Santa Maria Maddalena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Speciale Rai su De André, piovono le critiche e il figlio Cristiano "punge" gli autori

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Accasciato sul volante, passante dà l'allarme ma è troppo tardi

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Allerta meteo, fulmine spegne la Lanterna. Neve e frane nell'entroterra

  • Scuole superiori: le migliori di Genova secondo la Fondazione Agnelli

Torna su
GenovaToday è in caricamento