Dalle chiavi lasciate in auto al furto in casa: ladri arrestati dopo raffica di colpi

In manette 4 uomini specializzati in furti in abitazione che sottraevano mazzi lasciati incustoditi e risalivano agli indirizzi

Decine di furti in appartamento messi a segno sfruttando un’abitudine che moltissime persone hanno, e cioè quella di lasciare in auto le chiavi di casa: si erano specializzati in questa particolare modalità, i quattro membri della banda sgominata dai carabinieri del nucleo investigativo di Genova dopo mesi di indagini.

In manette sono finiti quattro uomini di origini sinti residenti nel ponente genovese: Fabio Marzo, 42 anni; Enrico Bianchi, 45; Teresio Dellacha, 65 anni; e Antonino Aiosa, 68.

Come agiva la banda

Il modus operandi era sempre lo stesso: la banda prendeva di mira i proprietari di auto (principalmente Fiat) parcheggiate fuori da centri commerciali, ristoranti o stabilimenti balneari, aprivano i veicoli e cercavano eventuali mazzi di chiavi abbandonate all’interno, controllavano la carta di circolazione per risalire all’indirizzo di residenza e partivano immediatamente alla volta dell’abitazione. Una volta sul posto controllavano che in casa non ci fosse nessuno, e dopo avere lasciato un “palo” in strada entravano in casa usando le chiavi rubate, razziavano le stanze in cerca di oggetti di valore e poi uscivano chiudendosi la porta alle spalle.

Messo a segno il furto, se il tempo a disposizione era sufficiente tornavano a alla macchina presa di mira per rimettere le chiavi all’interno: in questo modo i proprietari si accorgevano del furto soltanto quando entravano in casa, in caso contrario (se le chiavi non venivano rimesse al loro posto) il furto era scoperto quando, arrivati davanti all’abitazione, i proprietari si rendevano conto di non avere più le chiavi. Le indagini erano partite nel 2017, dopo quattro denunce del tutto simili sporte da persone che in tutti i casi avevano ammesso di avere lasciato le chiavi di casa in auto: da qui sono partiti i carabinieri del nucleo investigativo e del comando provinciale, risalendo via via ad altri casi che avrebbero potuto rientrare nel modus operandi della banda. 

A oggi i furti contestati, per cui il pm Alberto Puppo ha chiesto e ottenuto la misura di custodia cautelare in carcere per tutti e 4 i membri della banda, sono 13, “spalmati” tra luglio 2017 e gennaio 2018, ma si sospetta siano molti di più. In alcuni casi i ladri hanno preso di mira auto parcheggiate nel posteggio del centro commerciale Fiumara, altri riguardano vie e parcheggi di Quinto, Cremeno, Chiavari e anche la Fiumara di Alessandria. Il bottino era composto principalmente da gioielli, orologi e denaro, in certi casi (come accaduto in un’abitazione di via San Girolamo Emiliani, a Rapallo) arrivando ai 20mila euro. 

Oltre 50mila euro di refurtiva a casa, ma il "giro" è da almeno 200mila

Nel corso delle perquisizioni domiciliari, effettuate dai militari di Genova e Alessandria venerdì mattina, sono stati trovati gioielli e orologi per un valore totale di circa 50mila euro (insieme con due scacciacani e diversi telefonini), ma il giro di affari stimato si aggira intorno ai 200mila. Molto organizzati e prudenti, sono sempre riusciti a evitare che i padroni di casa rientrassero cogliendoli sul fatto, pur riuscendo in certi casi anche ad avere il tempo necessario per smurare cassaforti: l’unica volta in cui sono andati vicini all’essere sorpresi è stato quando il figlio di una coppia è rientrato prima del previsto a casa, ma è stato intercettato dal “palo” sul portone e trattenuto con una scusa per il tempo necessario alla fuga.

«Tutti i colpi erano studiati a tavolino, come dimostrano le intercettazioni telefoniche in cui li si sente prendere accordi e darsi appuntamento - conferma il colonnello Riccardo Sciuto, comandante provinciale dei Carabinieri di Genova - Anche la scelta delle auto e delle vittime era studiata: preferivano Fiat perché erano in possesso di strumenti in grado di aprirle senza danneggiarle, e prendevano di mira persone anziane per limitare al massimo la possibilità che ci fossero altre persone in casa oltre a loro. Battevano i parcheggi a tappeto, e provavano le auto sinché non trovavano quella che più si prestava all’operazione. Non in tutti i casi, ovviamente, il colpo andava a buon fine: a volte le chiavi non corrispondevano all’indirizzo. Ma non si facevano scoraggiare. Per questo invitiamo sempre i cittadini a essere prudenti, a non fidarsi di sconosciuti che li avvicinano con scuse e a non lasciare mai oggetti personali in auto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In queste ore i militari stanno passando al vaglio la refurtiva trovata nelle case degli arrestati, tra cui anche alcuni preziosi orologi, per tentare di risalire ai proprietari. I quattro arrestati devono rispondere dell'accusa di associazione a delinquere finalizzata al furto, contestata sia per quelli commessi sulle auto sia per quelli messi a segno nelle case. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accensione riscadamento 2020: a Genova i termosifoni si accendono dal 14 ottobre

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento