rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Iren, appalti truccati: i nomi dei dirigenti finiti nei guai

Per i lavori alla rete gas di Genova eseguiti violando i capitolati con la compiacenza di alcuni funzionari di Iren sono finiti in carcere Francesco Jannelli e Mario Piero Bonadeo. Domiciliari per Mauro Tagliabue e obbligo di firma Antonio Percivale

Genova - Per i lavori alla rete gas di Genova e provincia eseguiti violando i capitolati con la compiacenza di alcuni funzionari di Iren sono finiti in carcere Mario Papotto, responsabile del territorio di Genova per la Betoncat azienda di Catania; Francesco Jannelli, subappaltatore in diversi cantieri Betoncat; Piero Furnò, legale rappresentante di Betoncat; Mario Piero Bonadeo, dirigente Iren; e Vincenzo Virgillito, contabile Betoncat. Papotto è nel carcere modenese di Formigine, Furnò in quello di Catania, Virgillito in quello di Enna. Jannelli e Bonadeo sono in carcere a Genova.

Ai domiciliari sono Mauro Tagliabue, geometra responsabile per Liguria Energy Gas, a Genova, e Luca Pietrangeli, subappaltatore delle opere affidate a Liguria Energy Gas, a Asti. All'obbligo di firma, da compiere a Genova, è finito Antonio Percivale, dipendente in pensione di Iren. Le aziende Calderoni e Demont, citate in precedenza, sono subappaltatrici di Betoncat e Liguria Energy Gas.

L'inchiesta era partita da un esposto presentato dalla Cgil. Il periodo preso in considerazione dagli investigatori è quello compreso tra l'inizio 2010 e la fine 2011. Gli inquirenti hanno fatto dei cabotaggi, prelevando campioni, in 40 zone di Genova da Levante a Ponente scoprendo, tra l'altro, che le opere di riempimento venivano fatte con materiale di risulta, macinato da altre opere edili, diverso da quello indicato dai capitolati (Ansa).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iren, appalti truccati: i nomi dei dirigenti finiti nei guai

GenovaToday è in caricamento